Live Sicilia

Miccichè

"Musumeci candidato? Non dico no
Ma non spetta a me decidere"


Articolo letto 26.136 volte
VOTA
3.7/5
3 voti

, Politica
PALERMO – Forza Italia si riunisce in plenaria per parlare di programmi. Ma nel dibattito irrompe anche la questione del candidato alla presidenza della Regione. Questo dopo un incontro tra Gianfranco Miccichè e Nello Musumeci, nel quale quest'ultimo, riporta lo stesso Miccichè, “ha posto in maniera evidentissima la sua volontà a candidarsi alla presidenza della Regione”. Miccichè, che alle precedenti regionali corse anche contro Musumeci, al riguardo commenta: “Da parte mia non ci sono ostacoli. Ma non lancio nessuna candidatura perché non spetta a me lanciarle ma a tutta la coalizione”. Coalizione che nei piani del leader di Forza Italia dovrebbe riunire oltre ai berlusconiani, Lista Musumeci, Fratelli d'Italia, Movimento per le Autonomie e il movimento Noi Con Salvini. “Dobbiamo fare la nostra parte lavorando ad una coalizione che sia più forte possibile e che possa esprimere un candidato credibile. Ora costruiamo insieme una proposta politica, chi sarà il candidato che la porterà avanti è davvero secondario", commenta Miccichè.

Inatnto oggi i parlamentari regionali, nazionali ed europei di Forza Italia si sono riuniti in un lungo summit pomeridiano a Palermo. “Stiamo lavorando al nostro manifesto di governo”, spiega Miccihè quando il vertice è arrivato alle sue battute finali. E intanto, il partito si riorganizza sul territorio, con la nomina dei nuovi commissari provinciali. Quattro al momento le nomine già decise: Vincenzo Sgroi a Enna, Vincenzo Giambrone (sindaco di Cammarata) per Agrigento, Edi Bandiera a Siracusa e Gianni Mauro a Ragusa.

Al centro della relazione di Miccichè, il rafforzamento del partito in vista delle prossime consultazioni elettorali. A breve, si legge nel comunicato conclusivo, "sarà creato un gruppo di lavoro per la stesura del manifesto di governo, progetto totalmente alternativo a Crocetta e al centrosinistra, ispirato ai principi di meno regione, meno burocrazia, di rafforzamento infrastrutturale e dei servizi, di pieno utilizzo dei fondi comunitari, di efficientamento del sistema sanitario. Una regione più semplice per chi vuole investire, e più a misura di cittadino". Nei prossimi giorni Miccichè avvierà "incontri con tutti gli alleati di centrodestra, per dare vita ad una cabina di regia che specificherà il nuovo manifesto di governo e le candidature".