Live Sicilia

il processo per la strage di via d'amelio

Problemi neurologici per Riina
Il boss non depone in udienza


Articolo letto 7.674 volte

Il padrino di Corleone, secondo quanto riferito dal suo avvocato, non riesce nemmeno più a scrivere.

VOTA
2.3/5
3 voti

, Cronaca
CALTANISSETTA - Non deporrà al processo per la strage di via d'Amelio, in corso davanti alla corte d'assise di Caltanissetta, il boss Totò Riina, citato come teste. Lo ha comunicato il suo legale, l'avvocato Cianferoni, sostenendo che il capomafia, recentemente ricoverato in ospedale e poi dimesso, soffre di gravi problemi neurologici tanto che non riesce nemmeno più a scrivere. Il difensore di Riina ha comunque precisato che il suo cliente ha intenzione di avvalersi della facoltà di non rispondere in quanto imputato di reato connesso. Dopo le comunicazioni dell'avvocato i pm Gabriele Paci e Stefano Luciani hanno rinunciato all'esame di Riina. Nel processo per l'attentato del 19 luglio '92, costato la vita a Paolo Borsellino e a cinque agenti di scorta, sono imputati per strage Salvo Madonia e Vittorio Tutino, mentre rispondono di calunnia Vincenzo Scarantino, Francesco Andriotta e Calogero Pulci.