Live Sicilia

Ai tempi di Salemi

Da sindaco sotto processo:
assolto Vittorio Sgarbi


Articolo letto 15.198 volte
assoluzione, salemi, sgarbi, Trapani
Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi, da ex sindaco di Salemi, è stato assolto dalle accuse di "omissione di lavori in edifici che minacciano rovina" e "omesso collocamento di segnali o ripari" Il procedimento penale era scaturito da una serie di relazioni dei vigili del fuoco di Trapani.

VOTA
3/5
2 voti

MARSALA (TRAPANI)-  L'ex sindaco di Salemi (Trapani) Vittorio Sgarbi è stato assolto dal giudice monocratico di Marsala Matteo Giacalone dalle accuse di "omissione di lavori in edifici che minacciano rovina" e "omesso collocamento di segnali o ripari". Dalle stesse accuse sono stati assolti anche un tecnico dello stesso Comune, l'ingegnere Giuseppe Placenza, capo del settore manutenzioni e protezione civile, e altre tre persone (Calogero Russo, Girolama Caruso e Francesco Ferrauti) proprietarie di vecchi immobili abbandonati. A chiedere l'assoluzione è stato lo stesso pm. Il procedimento penale era scaturito da una serie di relazioni dei vigili del fuoco di Trapani sulla base delle quali, nel 2011, la Procura di Marsala dispose, per pericolo di crolli, il sequestro preventivo d'urgenza di alcuni immobili, in parte di privati e in parte del Comune, nel quartiere arabo del Rabato. Alcuni immobili facevano parte del cosiddetto progetto "Case a 1 euro" ideato dall'amministrazione Sgarbi, ma non decollato. La maggior parte dei vecchi immobili versa in abbandono dopo il terremoto del 1968. "Tutti sanno, anche le pietre - dichiarò Sgarbi dopo l'avvio del procedimento - che da sindaco ho cercato di preservare la città da scempi e devastazioni, contro costruttori rampanti e speculatori. E' davvero sorprendente che si chieda a me conto di 40 anni di incuria".