Live Sicilia

Provincia di Palermo

Botti al compleanno del boss
Il sindaco di Cinisi lo denuncia


Articolo letto 8.349 volte
boss, cinisi, compleanno, di maggio, fuochi d'artificio, Cronaca
Un frame del video dei festeggiamenti

La reazione del sindaco di Cinisi, dopo la festa e i fuochi d'artificio per l'ex capomafia Di Maggio: "Questa è la comunità di Peppino Impastato. Ripeto e ribadisco oggi più che mai le sue parole: la mafia è una montagna di merda". GUARDA IL VIDEO.

VOTA
3.8/5
8 voti

PALERMO - Applausi e fuochi d'artificio per i cento anni di Procopio Di Maggio, l'ex capomafia di Cinisi, il paese di Peppino Impastato che si trova in provincia di Palermo. Una grande festa per l'anziano boss il 6 gennaio: il pranzo in un ristorante del piccolo centro con alcuni parenti e, per concludere, i botti, con una grande scritta luminosa col numero "100". Il video è stato pubblicato sui social network da chi era presente quel giorno. (Clicca qui per vederlo).

Per molti si è trattato di uno schiaffo alla memoria delle vittime di mafia, compreso Impastato. Ma è anche stata violata l'ordinanza comunale che vietava, fino al 10 gennaio, i fuochi d'artificio e i botti in diversi comuni.

"Cinisi ha dimenticato e ignorato Di Maggio da tempo - dichiara il sindaco Giangiacomo Palazzolo - e visto che non è stata rispettata l'ordinanza sindacale, è stato sanzionato amministrativamente e denunciato penalmente per inosservanza del mio provvedimento. Cinisi non ha nulla a che vedere con lui e con la mafia, lo ha dimenticato. Questa è la comunità di Peppino Impastato, nonostante i tentativi della mafia di ribadire la propria presenza. Ripeto e ribadisco oggi più che mai le sue parole: "La mafia è una montagna di merda" e Di Maggio deve continuare ad essere dimenticato".