Live Sicilia

IL CASO

La maledizione dei beni confiscati
Pm anticamorra contro Libera


Articolo letto 8.132 volte
beni confiscati, catello maresca, la torre, libera, luigi ciotti, mafia, Cronaca
don Luigi Ciotti

Il pubblico ministero di Napoli, Catello Maresca, intervistato da Panorama, parla di "estremisti dell'antimafia" che si anniderebbero nelle “associazioni nate per combattere la mafia che tendono a farsi mafiose loro stesse". Don Luigi Ciotti non ci sta: "Menzogne, lo denuncio per diffamazione".


PALERMO - La “maledizione” dei beni confiscati si sposta da Palermo a Roma e Libera torna ad essere bersaglio di polemiche. Stavolta è un magistrato ad attaccare l'associazione fondata da don Luigi Ciotti, che non ha alcuna intenzione di essere messo all'angolo: denuncerà per diffamazione il pm Catello Maresca.

È stato quest'ultimo, sostituto procuratore della Repubblica di Napoli che coordinò le indagini sui clan dei Casalesi, intervistato da Panorama in edicola domani, a spendere parole pesanti contro la più grande delle associazioni antimafia: "Se un'associazione, come Libera, diventa troppo grande, se acquisisce interessi che sono anche di natura economica, e il denaro spesso contribuisce a inquinare l'iniziale intento positivo, ci si possono inserire persone senza scrupoli che approfittando del suo nome per fare i propri interessi".

Ed ancora: "Libera gestisce i beni attraverso cooperative non sempre affidabili. Io ritengo che questa antimafia sia incompatibile con lo spirito dell'antimafia iniziale. Liibera è stata un'importante associazione antimafia. Ma oggi mi sembra un partito che si è auto-attribuito un ruolo diverso. Gestisce i beni sequestrati alle mafie in regime di monopolio e in maniera anticoncorrenziale. Personalmente sono contrario alla sua gestione: la ritengo pericolosa".

Vere e proprie bordate quelle lanciate da Maresca, secondo cui, bisogna smascherare gli "estremisti dell'antimafia" che si anniderebbero nelle “associazioni nate per combattere la mafia”, ma che “hanno acquisito l'attrezzatura mentale dell'organizzazione criminale e tendono a farsi mafiose loro stesse. Purtroppo queste associazioni hanno esasperato il sistema. Sfruttano beni che non sono di loro proprietà, utilizzano risorse e denaro di tutti. Vedo insomma l'estremismo dei settaristi e non di un'associazione ogni qual volta sento dire che 'si deve fare sempre cosi".

Don Ciotti è partito al contrattacco: "Noi questo signore lo denunciamo domani mattina, abbiamo deciso di farlo. Uno tace una volta, due volte, tre volte, ma poi si pensa che siamo nel torto. Quando viene distrutta la dignità di migliaia di giovani è dovere ripristinare verità e chiarezza". Davanti alla commissione antimafia dice che “oggi è in atto una semplificazione per demolire il percorso di Libera con la menzogna. Ci possono essere degli errori, si può criticare, ma non può essere calpestata la verità. Libera gode di buona salute, il movimento giovanile chiede, partecipa, c'è un fermento impressionante di ragazzi che cercano punti di riferimento veri e credibili. Io rappresento un noi non un io".

Probabilmente il riferimento del sacerdote è alle polemiche sollevate da Franco La Torre a inizio dicembre, all'indomani delle dimissioni da consigliere di amministrazione di Libera. “Mi dicono che a Palermo lo sapevano tutti - aveva detto La Torre a Livesicilia -. Mi sarei aspettato che Libera ponesse il problema visto che sui beni confiscati ha fondato la sua forza. Hanno il prosciutto nelle orecchie, se lo tolgano, nulla di grave”. Inaccettabile per La Torre che un'organizzazione come Libera non avesse tenuto le antenne dritte sulla gestione “scandalo” dei beni sottratti ai boss che ha portato all'azzeramento della sezione misure di Prevenzione del Tribunale palermitano. A cominciare dal suo ex presidente Silvana Saguto, finita sotto inchiesta e sospesa dal Csm.

Ad inizio di novembre, durante l'assemblea nazionale dell'associazione, ad Assisi, La Torre aveva chiesto a gran voce un confronto perché “Libera è molto cresciuta in questi anni, serve un nuovo modello di organizzazione. Si deve avviare un progetto di formazione della classe dirigente, non si può dirigere tutto da Roma. Il mio discorso non è stato gradito (pochi giorni dopo Ciotti gli comunicò la 'rottura del rapporto di fiducia' via sms ndr'), nonostante l'abbia fatto in un contesto dove è fondamentale la libera espressione del pensiero”.

Ora anche il pm di Napoli Maresca affonda la critica contro l'organizzazione e il lavoro di Libera, oggi alla guida un coordinamento di oltre 1500 tra associazioni e gruppi, che gestisce 1.400 ettari di terreni, dà lavoro a 126 persone e muove un fatturato che sfiora i sei milioni di euro. Maresca e don Ciotti si vedranno in Tribunale, perché il sacerdote lo denuncerà per diffamazione.