Live Sicilia

Sindacati aziendali

Elezioni Rsu alla Telecom
Uil primo sindacato aziendale


Articolo letto 3.258 volte

Al voto hanno partecipato 1.300 lavoratori palermitani e 2.411 in tutta la Sicilia.

VOTA
5/5
1 voto

PALERMO – In Sicilia la UilCom si riconferma prima organizzazione all’interno di Telecom Italia con 783 voti e 9 rappresentati sindacali eletti. Sono i primi dati delle elezioni per il rinnovo delle Rsu. Seguono Slc Cgil con 723 voti, Fistel Cisl con 463, Snater con 259, Ugl con 149 e Cisal con 34. Su quasi tremila lavoratori, hanno votato in 2411. E lo stesso segretario Regionale, Giuseppe Tumminia, dice: “Ringraziamo tutti coloro che, ancora una volta, ci hanno dato fiducia. Il risultato assume un valore ancora più significativo visto il clima in cui si è svolta la campagna elettorale, caratterizzata da un confronto sul piano industriale che ha visto i sindacati divisi”. E Tumminia aggiunge: “Adesso dobbiamo recuperare il premio di produttività e costruire un accordo sui passaggi di livello fermi dal 2006 e gestiti in maniera unilaterale dall’azienda”.

Il Slc Cgil è la seconda sigla sindacale alle elezioni delle Rsu Telecom sia a Palermo sia in Siciliai. Al voto hanno partecipato 1.300 lavoratori palermitani e 2.411 in tutta la Sicilia. “Per noi è un risultato straordinario essere arrivati secondi in una realtà dove siamo sempre stati i terzi, in grande distacco da Uil e Cisl – dice Fabio Maggio, della segreteria Slc Cgil Palermo –. E’ un momento importante: proveniamo da un accordo separato, non firmato dalla Cgil, che le altre sigle hanno sottoscrto malgrado l’azienda abbia saltato i passaggi democratici con i lavoratori”. “E’ un accordo – aggiunge Maggio – che prevede un contributo di solidarietà, partito a gennaio, senza un piano di reintegro degli esuberi. Esuberi che a nostro avviso non esistono: dichiararli è solo un modo per recuperare somme dall’Inps”. L’Slc Cgil Palermo ha totalizzato 4 Rsu sulle 8 attribuite alla Slc sul piano regionale. L’Slc Cgil Palermo è arrivata invece prima nelle elezioni delle aree di staff.