Live Sicilia

Le reazioni al caso montante

Fava e M5S: "Lasci gli incarichi"
Il sindaco Orlando: "Meno uno"


Articolo letto 4.935 volte
VOTA
1.8/5
5 voti

PALERMO - "La sospensione di Antonello Montante da tutti i suoi incarichi istituzionali, a partire da quelli che ha conservato in Confindustria nazionale, è oggi un atto di decenza dovuto. L'indagine nei suoi confronti per concorso in associazione mafiosa, adesso formalizzata, è partita un anno fa senza che i vertici della sua associazione abbiano mai sentito l'urgenza di una parola preoccupata o dubbiosa. Ci auguriamo che il presidente Squinzi rilevi subito l'inopportunità' di conservare l'incarico di responsabile per la legalità a un indagato per mafia". Lo dice il vicepresidente della commissione antimafia Claudio Fava.

"E' una sorpresa? Quando questo fronte perde un pezzo il mio commento è: meno uno. Siamo stanchi di un uso strumentale della lotta alla mafia". L'ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, a margine di una conferenza stampa in prefettura, parlando dell'indagine che i pm nisseni hanno aperto sul presidente di Confindustria Sicilia, Antonello Montante, per concorso in associazione mafiosa. "Sostengo - ha aggiunto Orlando - che è un elemento di perversione istituzionale della Sicilia la cosiddetta Confindustria antimafiosa: da Montante a Catanzaro. Ho parlato di questo prima che arrivassero i provvedimenti".

Il gruppo parlamentare del Movimento Cinque stelle all'Assemblea regionale siciliana chiede al presidente degli industriali siciliani, Antonello Montante, di fare "un doveroso passo indietro dopo le notizie riportate dalla stampa, che riferiscono di un avviso di garanzia nei suoi confronti per concorso esterno in associazione mafiosa". "Ci auguriamo - dicono i deputati M5S - che la giustizia faccia presto il suo corso, ma le ombre che gravano su quella che è stata proposta come una sorta di icona antimafia sono troppo ingombranti per essere ignorate. Montante rimetta incarichi di vertice, a cominciare dalla delega nazionale per la legalità, anche a tutela delle importantissime istituzioni che rappresenta"