Live Sicilia

Palermo

Catania e l'occupazione al Cep
Presentata la mozione di sfiducia


Articolo letto 2.172 volte
VOTA
5/5
1 voto

PALERMO - Una mozione di sfiducia contro l’assessore alla Mobilità Giusto Catania. L’ordine del giorno di Sala delle Lapidi avrà, da mercoledì, un punto suppletivo, aggiunto con un atto ad hoc: una mozione di censura nei confronti dell’esponente di Rifondazione comunista.

A chiedere la mozione è stato il consigliere di Forza Italia Giuseppe Milazzo: “Ho rimosso la tenda dalla Sala delle Lapidi del comune di Palermo dopo essere stato ascoltato dalla Conferenza dei Capigruppo, che ha autorizzato la trattazione della mozione di sfiducia nei confronti dell’assessore Giusto Catania, integrando l’Ordine del giorno della sessione in corso. La mozione ha per oggetto le gravi responsabilità dell’assessore nella gestione dell’emergenza nata dall’occupazione della postazione anagrafica del quartiere San Giovanni Apostolo (ex Cep) da parte di alcune famiglie indigenti. L’assessorato e l’amministrazione comunale hanno dimostrato ancora una volta una superficialità inaudita e grave incapacità”. Il consiglio era già convocato per mercoledì alle 17 e c’è da dire che, anche se la mozione venisse approvata, non ci sarebbe alcun effetto automatico ma solo politico.