Live Sicilia

Accursio Sabella

Li Calzi, Lo Bello e gli altri
Alla fine restano tutti a bordo


Articolo letto 4.214 volte

L'ex assessore regionale è stata nominata consigliere d'amministrazione in Gesap. Non è l'unico caso di ex componenti della giunta Crocetta ripescati con nuovi incarichi. E' il valzer del potere. Li Calzi nominata nel cda Gesap


, Le firme
Cambiano solo di posto. Ma alla fine, restano tutti a bordo. Cleo Li Calzi è stata nominata consigliere di amministrazione di Gesap, l'ente che gestisce l'aeroporto di Palermo. E di viaggi in un certo senso si era già occupata. Visto che fino a pochi mesi fa ricopriva l'incarico di assessore regionale al Turismo in "quota Cracolici". Per poi essere estromessa, confermata, poi nuovamente messa alla porta dai soliti balletti dei rimpasti nell'era Crocetta. Rimpasti che hanno portato in giunta oltre quaranta persone. Molte delle quali, a dire il vero, hanno finito comunque per orbitare attorno al pianeta Regione.

Dario Cartabellota, ad esempio, che fu assessore regionale all'Agricoltura non solo è rientrato, come è normale (lo stesso è avvenuto per altri colleghi come Rosa Barresi e Patrizia Valenti) nei ranghi della dirigenza regionale, ma dismessi i panni di componente della giunta ha assunto quelli di commissario regionale per l'Expo. Una esperienza, a dire il vero, naufragata (è proprio il caso di dirlo) tra le polemiche legate a uno stand allagato. Salvatore Calleri, invece, era arrivato col piglio dell'esperto antimafia messo a capo di una polveriera: quell'assessorato all'Energia al quale sono imbrigliati i settori dei rifiuti, dell'eolico, dell'acqua. Il tempo di lavorare a una riforma del sistema idrico che nessuno ha mai approvato e di farsi spiegare chi fosse Giuseppe Alessi, primo presidente della Regione sicilana, ed eccolo già fuori dall'esecutivo. Poco male, anche in quel caso aveva solo cambiato posto e fila: retrocedendo a quella dei consulenti del presidente della Regione. Una categoria che ha subito abbracciato, poche settimane dopo la fine della sua esperienza in giunta, l'ex assessore all'Economia Roberto Agnello, oggi collaboratore a pagamento dell'assessore alla Salute Baldo Gucciardi, dopo aver ricoperto lo stesso ruolo con la dimissionaria Lucia Borsellino. Anche lei, a dire il vero, può aggiungersi alla lista dei “ripescati celebri”: infatti, ecco il prestigioso incarico all'Agenas, dopo il polemico strappo con Crocetta. Governatore che ha invece in passato “salvaguardato” altre donne della sua giunta. È il caso di Mariella Lo Bello prima e di Nelli Scilabra poi. Segretarie del presidente dopo l'esperienza in giunta. Che per Mariella a dire il vero, dopo un po' è ripresa. Dalla prima alla seconda classe, per poi tornare in prima. È il valzer del potere.