Live Sicilia

Petrolchimico - la vertenza

Decimo giorno di blocchi all'Eni
I lavoratori: "Noi non molliamo"


Articolo letto 9.915 volte
, Caltanissetta, Cronaca

Si dichiarano "estremamente insoddisfatti" dell'accordo sugli ammortizzatori sociali raggiunto ieri, a Roma, dal governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, e dal sindaco, Domenico Messinese, con esponenti del ministero per lo sviluppo economico e di quello al lavoro.

VOTA
0/5
0 voti

GELA - Delusione e stanchezza serpeggiano, a Gela, tra i lavoratori dell'indotto, al decimo giorno di blocco delle vie di accesso alla città, in difesa della raffineria Eni e di oltre duemila posti di lavoro. Si dichiarano "estremamente insoddisfatti" dell'accordo sugli ammortizzatori sociali raggiunto ieri, a Roma, dal governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, e dal sindaco, Domenico Messinese, con esponenti del ministero per lo sviluppo economico e di quello al lavoro.

"Ben poca cosa - dicono Cgil Cisl e Uil - sono i tre mesi di cassa integrazione in deroga strappati al governo, a fronte delle più articolate richieste che avevamo avanzato e che sollecitano misure straordinarie (quali ad esempio un decreto legge per l'Eni di Gela come è stato fatto per l'Ilva di Taranto) per far fronte a una situazione di crisi straordinaria" Il sindacato, stamani, ha riunito i suoi vertici provinciali per esaminare unitariamente i contenuti dell'intesa di ieri. Potrebbe venir fuori un inasprimento della protesta. I 20 consiglieri comunali di Gela, che hanno spostato a Roma la loro seduta permanente, iniziata una settimana fa a sostegno della vertenza Eni, stazionano, da stamani, davanti a Montecitorio, dove si confrontano con alcuni deputati siciliani di tutti i partiti politici "perchè il problema Gela sia portato nelle sedi parlamentari". A Gela, intanto, i blocchi proseguono con la mobilitazione di altre categorie. Nelle prossime ore dovrebbero scendere in strada anche i pensionati. Falò sono stati accessi, durante la notte, sulla "nazionale" per Vittoria. Sempre bloccate le vie di accesso al petrolchimico. (ANSA).