Live Sicilia

Il provvedimento

Tagli ai permessi sindacali
Crocetta: "Risparmi per 2,4 milioni"


Articolo letto 4.644 volte
VOTA
3/5
2 voti

PALERMO - La giunta, poi, ha anche approvato il taglio dei permessi sindacali dei dipendenti regionali. Via libera quindi all'accordo quadro approvato a fine dicembre all'Aran, l'organismo che ha il compito di portare avanti le contrattazioni con i regionali.

L'intervento, portato oggi in giunta dall'assessore alla Funzione pubblica Luisa Lantieri, consentirà alla Regione un risparmio di circa 2,4 milioni di euro. Dopo la firma dell'esecutivo, il presidente Crocetta ha indicato il provvedimento come uno degli esempi dell'azione di moralizzazione della vita amministrativa portata avanti da questo governo. “Sono contento – ha commentato - che questo si faccia con l'accordo dei sindacati e dei lavoratori”.

Cosa prevede il piano? Intanto, ed è la parte più corposa e anche dai maggiori effetti in termini economici, il dimezzamento dei permessi sindacali. Il numero complessivo scenderà dalle attuali 18.370 giornate annue a 9.187. Con un risparmio presunto, per le casse della Regione, di circa 1,2 milioni di euro. La metà del risparmio complessivo consentito dall'accordo.

La restante parte, invece, sarà legata al taglio delle aspettative retribuite, delle ore di assemblea e e dei distacchi sindacali. Nel primo caso, il numero complessivo di aspettative che possono essere richieste per i dirigenti sindacali che ricoprono cariche elettive è di due per ogni organizzazione sindacale: complessivamente quindi scenderanno da un numero di 24 a un numero di 18. Scendono anche le ore di assemblea retribuita cui ha diritto ogni lavoratore: da dodici a dieci ore l'anno. Infine, ecco i tagli ai “distacchi” sindacali, pari al 25 per cento. Una riduzione che porterà a un risparmio complessivo di quasi 330 mila euro.