Live Sicilia

Caso assunzioni

Sicilia e-Servizi, i pm: archiviazione
per Ingroia, Crocetta e gli assessori


Articolo letto 3.207 volte
VOTA
5/5
1 voto

antonio ingroia, sicilia e-servizi, Cronaca
PALERMO - Nuova richiesta di archiviazione nell'inchiesta per abuso d'ufficio sulle assunzioni a Sicilia e-Servizi. La richiesta del pm Maria Teresa Maligno riguarda Antonio Ingroia, un tempo magistrato di punta della Procura palermitana e oggi amministratore unico della partecipata regionale, del governatore Rosario Crocetta, degli ex assessori che avallarono le assunzioni Antonino Bartolotta, Ester Bonafede, Dario Cartabellotta, Nelli Scilabra, Michela Stancheris, Patrizia Valenti, e dell'ex ragioniere generale Mariano Pisciotta.

Il Gip Lorenzo Matassa, nei mesi scorsi, non aveva accolto una prima richiesta di chiudere il caso. Allora il fascicolo era a carico di ignoti. Secondo il giudice, invece, si potevano individuare gli autori del presunto reato.

L'informativa della finanza - composta da quarantotto pagine - secondo il giudice, individuava specifiche violazioni della legge che prevedeva il blocco delle assunzioni. Sarebbe ravvisabile “dolo intenzionale” nell'operato dei vertici di Sicilia E-Servizi e della politica regionale nonostante sia stata sottolineata la finalità pubblica dell'operazione. Ingroia, infatti, ha sempre sostenuto la necessità delle 76 assunzioni per evitare la paralisi. Assunzioni, per altro, avallate da un parere dell'avvocatura dello Stato.