Live Sicilia

Palermo

Musica oltre la mezzanotte
Taverna Azzurra chiusa per 5 giorni


Articolo letto 4.048 volte
, Cronaca

Lo stop da venerdì prossimo al martedì successivo. Il provvedimento è della polizia municipale che, durante uno dei sopralluoghi al civico 9 della discesa Maccheronai, ha riscontrato musica e rumori dopo la mezzanotte in violazione dell’ordinanza.

VOTA
5/5
3 voti

PALERMO - La movida palermitana perderà per qualche giorno un punto di riferimento nel cuore del centro storico. Da venerdì, la Taverna Azzurra alla Vucciria abbasserà le saracinesche per cinque giorni. Lo stop arriva dalla polizia municipale che, durante uno dei sopralluoghi al civico 9 della discesa Maccheronai, ha riscontrato musica e rumori dopo la mezzanotte in violazione dell’ordinanza. Fino a martedì, dunque, niente zibibbo, marsala, malvasia, birre e cocktail nell’ex stalla del centro storico. Una chiusura coatta per l’approdo notturno che arriva dopo un paio di mesi dalla sanzione della municipale.

Si tratta della seconda stretta delle forze dell’ordine per la Taverna Azzurra. Già lo scorso giugno il pub di Piero Sutera optò per una chiusura anticipata. Dopo una multa per mancata esposizione del listino prezzi, decise di fare un passo indietro e chiudere alle 22. “Noi che siamo stati sempre in regola, adesso siamo perplessi sul proseguire l’avventura notturna – dichiarò il titolare a LiveSicilia in quell’occasione -. Con molto rammarico, perché qua la notte si era creato un ambiente piacevole”. Ora la chiusura per 120 ore, proprio durante il weekend. “Chiuderemo per cinque giorni - spiega Sutera -. Ci hanno fatto un verbale per aver messo musica dopo la mezzanotte. Le regole vanno rispettate, quindi va bene così”.

Un pugno di ferro tra l’amministrazione e i commercianti che ha portato a regole stringenti sulla movida. I controlli a tappeto delle forze dell’ordine, tra ispezioni e sopralluoghi nei luoghi caldi della movida locale, hanno portato a diverse sanzioni. Un paio di settimane fa, tra piazza Garraffello, piazza Caracciolo, via dei Chiavettieri e zone limitrofe, sono stati controllati dodici locali. Alcuni sono stati sanzionati per occupazione di suolo pubblico, altri hanno subito il sequestro amministrativo dell’attrezzatura musicale.