Live Sicilia

Catania

Uccise la moglie e ferì i figli
La Cassazione rigetta il ricorso


Articolo letto 2.981 volte
, Catania, Cronaca

Adesso, per un sottufficiale dell'Aeronautica, arriva la condanna definitiva per omicidio volontario aggravato della moglie e duplice tentativo di omicidio dei figli. (nella foto il palazzo della Cassazione)

VOTA
0/5
0 voti

 CATANIA - La Cassazione ha rigettato il ricorso, dichiarandolo inammissibile, di Salvatore Capone, il sottufficiale dell'Aeronautica militare, condannato a 30 anni di reclusione, che il 12 novembre 2009, al culmine di una lite nella loro abitazione di Giarre, appiccò il fuoco alla moglie, Maria Rita Russo, di 31 anni, dopo averla cosparsa di liquido infiammabile. L'uomo ferì i loro due figli gemelli, un maschio e una femmina, che all'epoca dei fatti avevano tre anni. La donna morì dieci giorni dopo nel centro Grandi ustionati dell'ospedale Cannizzaro di Catania. Ad accusare il sottufficiale era stata la vittima che a un vicino che l'aveva soccorsa aveva detto: 'E' stato lui, è stato mio marito'. I due coniugi avevano deciso da tempo di separarsi. Diventa quindi definitiva la sentenza, emessa il 6 maggio 2015, dalla Corte d'assise d'appello di Catania, che aveva istruito il processo dopo che la Cassazione che aveva annullato con rinvio la sentenza di condanna contro il militare relativamente a un'aggravante, che stata invece riconosciuta. In primo grado, in abbreviato, l'imputato era stato condannato dal Gup Marina Rizza all'ergastolo per omicidio aggravato dalla premeditazione e duplice tentativo di omicidio dei due figli. In appello, nel febbraio 2013, gli erano stati inflitti 30 anni, in quanto era stata ritenuta insussistente la desistenza volontaria del tentativo di omicidio dei bambini, e il reato derubricato in lesioni aggravate. Adesso la condanna definitiva per omicidio volontario aggravato della moglie e duplice tentativo di omicidio dei figli. I difensori di Capone, gli avvocati Enzo Iofrida e Giovanni Spada, aveva proposto ricorso per Cassazione. Si erano opposti la Procura generale e i legali delle parti civili: gli avvocati Giovanni Grasso, Enzo Mellia, Nino Garozzo, Pierfrancesco Continella e Goffredo D'Antona.(ANSA).