Live Sicilia

Trapani

"Compro oro" e riciclaggio
Arresti e denunce


Articolo letto 11.046 volte
arresti, compro oro, denunce, Cronaca, Trapani

Al centro delle indagini alcuni negozi “compro oro” del trapanese che sarebbero serviti - secondo gli inquirenti - a sostenere un'attività di riciclaggio di oggetti preziosi per oltre un milione di euro.

VOTA
0/5
0 voti

TRAPANI- Arresti sono stati compiuti dalla Guardia di Finanza al termine di indagini di polizia giudiziaria coordinate dalla Procura della Repubblica di Trapani. Al centro delle indagini alcuni negozi “compro oro” del trapanese che sarebbero serviti - secondo gli inquirenti - a sostenere un'attività di riciclaggio di oggetti preziosi per oltre un milione di euro.I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Trapani hanno sgominato un presunto sodalizio criminale che si serviva di una società fittiziamente creata in Germania. Sono 22 le persone indagate, per tre di queste sono state applicate misure cautelari. Il gip ha sottoposto agli arresti domiciliari Salvatore Messina, 51 anni , residente a Porto Empedocle e Maurizio Messina, 44 anni, residente a Valderice, è rimasto libero ma ha avuto applicato l'obbligo di dimora Carmelo Oddo, 39 anni, residente a Palermo. Le accuse vanno dalla ricettazione al riciclaggio di oro e argento di provenienza illecita.

Le indagini svolte dai finanzieri, mediante appostamenti, pedinamenti, videoriprese, accertamenti bancari, avrebbero consentito di dimostrare che l’organizzatore e principale artefice del traffico illecito, Salvatore Messina (soggetto gravato da numerosi precedenti specifici), avvalendosi della complicità di alcuni esercizi commerciali comunemente denominati “compro-oro” dislocati nella provincia di Trapani, avrebbe ricettato centinaia di oggetti e monili in oro e argento provenienti per lo più da furti in appartamenti e rapine, per poi fonderli in lingotti e rivenderli con false fatturazioni ad altre società (banco metalli) ubicate a Catania e Roma. Le illecite vendite avvenivano utilizzando una vecchia partita Iva di una gioielleria di famiglia non più attiva da anni e un’impresa inesistente creata in Germania.