Live Sicilia

Manager

Sanità, i sindacati:
"Verificare le nomine"


Articolo letto 18.795 volte
medici, sanità, sindacati, Politica

In una nota inviata all'assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi (nella foto) e alla Procura di Palermo i sindacati dei medici chiedono verifiche sulla legittimità della nomine dei manager della sanità.

VOTA
3/5
2 voti

PALERMO - In una nota all'assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi e alla Procura di Palermo i sindacati dei medici tornano a chiedere verifiche sulla legittimità della nomine dei manager della sanità in Sicilia e la revoca degli incarichi conferiti, per mancanza dei titoli previsti dalla legge. "E' a nostra conoscenza che taluni candidati, tra questi alcuni nominati - affermano i segretari regionali di Aaroi - Emac, Anaao-Assomed, Cimo - Asmd, Cgil Medici Fp, Cisl Medici, Uil Medici Fpl, Fassid, Fvm, Fesmed in una nota congiunta - hanno dichiarato di avere maturato i prescritti 5 anni di direzione di struttura complessa mentre in realtà ciò non risponderebbe al reale sviluppo delle carriere professionali".

Si tratta di un requisito sostengono i sindacati che "non potevano tecnicamente e giuridicamente possedere in quanto alcuni hanno svolto esclusivamente 'funzioni' di direzione di struttura complessa ad interim o temporanee senza mai avere partecipato a nessun pubblico concorso con nomina e stipula di contratto individuale correlati". "Riteniamo imprescindibile accertare i fatti ed intervenire con rigore - proseguono - chiediamo che l'assessore alla salute e il Parlamento siciliano vigilino e siano intransigenti nell'assumere le conseguenti determinazioni. La verifica degli atti può rappresentare una opportunità per ripristinare trasparenza e restituire legittimazione all'intero sistema sanitario Regionale". "L'azione intrapresa dall'assessore alla Salute e apprezzata dal sindacato di verifica dei requisiti degli attuali Direttori generali, sanitari ed amministrativi e la legittimità delle loro nomine - concludono -, non deve arrestarsi dinanzi a tentativi di insabbiamento". (ANSA)