Live Sicilia

sanità

Il punto nascite di Petralia è chiuso
Ma spunta un fiocco azzurro


Articolo letto 4.085 volte
magda culotta, petralia, punto nascite petralia
L'ospedale di Petralia

L'annuncio da parte del sindaco di Pollina Magda Culotta: "Solo grazie alla presenza dell'ostetrico di guardia la madre ha potuto affrontare il parto senza problemi, visto che non sarebbe potuta arrivare in nessun altro ospedale". Gli auguri alla mamma del primo cittadino del comune madonita Pietro Macaluso. Nella foto l'ospedale di Petralia

VOTA
3.7/5
3 voti

PALERMO - "A Petralia nonostante la chiusura del punto nascite, una mamma ha appena messo al mondo un neonato. Il primo nato del 2016 sulle Madonie sta bene e solo grazie alla presenza dell'ostetrico di guardia sua madre ha potuto affrontare il parto senza problemi, visto che non sarebbe potuta arrivare in nessun altro ospedale". Lo afferma il sindaco di Pollina e deputato del Pd Magda Culotta "La notizia - continua - ci conforta e ci dà una speranza in più per l'ottenimento di una deroga. Proprio da ambienti dell'assessorato regionale alla Sanità, al quale il Ministero aveva chiesto di valutare se ci sono fatti nuovi che possano portare a una deroga, apprendiamo che il comitato percorso nascite, che si è riunito oggi, ha ottenuto una serie di garanzie sia dal Comune di Petralia Sottana, sia dallo stesso ospedale, e sarebbe orientato a chiedere una deroga di sei mesi".

Al bambino nato all'ospedale Madonna dell'Alto arrivano gli auguri del sindaco di Petralia Soprana Pietro Macaluso. “Voglio fare i migliori auguri a mamma Veronica e al figlio Diego e ringraziare gli operatori del nosocomio Madonna dell’Alto per avere assistito i miei concittadini garantendo la vita ad entrambi. Per fortuna oggi non ci troviamo a parlare di mala sanità ma di coraggio e senso di responsabilità nei confronti di chi vive in questo territorio. Tutto ciò nonostante il Punto Nascita è ancora chiuso. Mi auguro che le risposte che attendiamo arrivino presto e saranno un lieto evento così com’è stato quello di cui parliamo oggi. Ancora auguri alla famiglia di Veronica e Diego”.