Live Sicilia

palermo

"Internet per esaltare il terrorismo"
Ecco perchè Shabbi è in carcere


Articolo letto 3.632 volte
Khadiga Shabbi

Le motivazioni della sentenza del tribunale del Riesame, che ha disposto la custodia cautelare accogliendo il ricorso del pm contro la ricercatrice libica. SHABBI, LE FOTO DELL'ORRORE

VOTA
5/5
2 voti

PALERMO - Kadiga Shabbi "ha mostrato di essere in grado di padroneggiare gli strumenti di comunicazione di massa con spregiudicatezza e di volerli finalizzare alla diffusione dell'esaltazione della guerra e del terrorismo islamico. E' chiaro che la misura dell'obbligo di dimora è quanto meno distonica rispetto al fine cautelare". E' un passo della motivazione del provvedimento, depositato oggi, con cui i giudici del riesame di Palermo hanno disposto, accogliendo l'appello del pubblico ministero, la custodia cautelare in carcere per la ricercatrice libica fermata a dicembre per istigazione a delinquere in materia di reati di terrorismo.

Il riesame "boccia" la decisione del gip di non accogliere la richiesta del carcere per la donna, fatta dalla procura, e di disporre solo l'obbligo di dimora. "E' sufficiente - scrivono i magistrati - la disponibilità della donna di un cellulare o di un computer per consentirle la reiterazione del reato". Il collegio parla di "volontà e pervicacia di sostenere e diffondere il messaggio delittuoso e di portare avanti il ruolo di sostegno dall'esterno alla causa del terrorismo.