Live Sicilia

bagheria. le reazioni

Raciti: "I grillini hanno fallito"
Ferrandelli: "Il caso non è chiuso"


Articolo letto 4.271 volte

Il segretario regionale del Pd. "La questione morale è tornata sul Movimento cinque stelle come un boomerang. Dove amministrano, solo pressappochismo". Il leader de I Coraggiosi: "Verificare cause di incompatibilità di Patrizio Cinque".

VOTA
2.3/5
3 voti

PALERMO - Pioggia di critiche e attacchi all'amministrazione Cinque stelle, dopo le dimissioni dell'assessore Luca Tripoli e le scuse, con tanto di ammissione (“La casa non è ancora sanata”) del sindaco Patrizio Cinque.

“Un atto dovuto, ma tardivo”. Così il segretario regionale del Pd Fausto Raciti ha commentato la decisione dell'assessore Cinquestelle Luca Tripoli di dimettersi dalla giunta del Comune di Bagheria. “E tardive – insiste Raciti – sono anche le scuse del primo cittadino. Adesso il Pd di Bagheria entrerà anche nel merito delle questioni strettamente amministrative, a cominciare dal tema dei rifiuti”. Ma c'è un riferimento alla “questione morale”: “Questa – dice il leader siciliano del Pd – è tornata indietro sugli stessi grillini come un boomerang. Dai Comuni nei quali amministrano del resto – aggiunge Raciti – non giunge alcun esempio positivo che possa proporre il Movimento cinque stelle come forza di governo. Non riescono a trasformare la rabbia in politica, ma solo in pressapochismo. Ma così finiscono per fare del male alle comunità che amministrano, a Bagheria come negli altri centri, non solo in Sicilia”.

"A Bagheria il sindaco ammette balla sul condono e l'assessore abusivo si dimette. Avevamo ragione #abusivia5stelle". Così Alessia Rotta, responsabile Comunicazione del Partito Democratico, su twitter.

"Ci pare di capire da quello che scrive il sindaco di Bagheria che la sua pratica di sanatoria sia ancora aperta. Se è così, il caso non è chiuso. Secondo noi, infatti, la Regione dovrebbe verificare se sussistono i motivi di decadenza del sindaco per incompatibilità, così come sembra prevedere il comma 4 dell'articolo 10 della legge regionale 31 del 1986 che parla di incompatibilità per gli amministratori che hanno procedimenti civili o amministrativi in corso". Lo scrive sui Social il movimento dei Coraggiosi di Fabrizio Ferrandelli. "Prendiamo atto che il sindaco grillino del comune di bagheria vive a sua insaputa in una casa tutta abusiva. E questi vorrebbero governare Roma ? E l'Italia ?". Lo afferma Francesco Giro di Forza Italia.