Live Sicilia

La polemica

Bagheria, nuovo scontro Cinque-Pd
Botta e risposta sull'abusivismo


Articolo letto 21.254 volte
bagheria, carmelo miceli, m5s, patrizio cinque, pd, Politica
Il segretario provinciale del Pd di Palermo, Carmelo Miceli

Il sindaco pentastellato (nella foto) attacca: "La casa dei genitori di un componente della segreteria provinciale del Pd è abusiva e non sanata". La replica: "Hai mentito ai tuoi cittadini, devi dimetterti".


BAGHERIA (PALERMO) - Patrizio Cinque non ci sta e va al contrattacco. Il sindaco di Bagheria, finito nell'occhio del ciclone per aver mentito davanti alle telecamere de 'Le Iene' sulla casa dei genitori, definita "sanata" a fronte invece di un iter burocratico non ancora concluso, va all'attacco della segreteria provinciale del Pd, guidata da Carmelo Miceli:  "La segreteria provinciale del Pd ha chiesto le mie dimissioni per la casa dei miei genitori - dice Cinque in un lungo post sul suo profilo facebook -. La casa dei genitori del componente della segreteria provinciale del Pd è abusiva e non sanata. Potrei continuare con le case di tutti gli ipocriti che hanno svergognato Bagheria. Giuda vi fa un baffo. E alcuni di loro sono stati amministratori".

Facebook ospita anche la replica di Miceli: "Patrizio Cinque continua a dire che chi chiede le sue dimissioni oggi lo fa perchè la casa dei suoi genitori non è stata ancora sanata", sono le parole del segretario del Pd palermitano secondo cui Cinque "fa finta di non capire che la gravità" della sua condotta, e di quella dell'assessore Tripoli "risiede nel fatto - dice Miceli - che siete stati voi a negare reitratamente l'esistenza della pratica di sanatoria, dando tutto per già definito positivamente, salvo poi - aggiunge - cambiare versione una volta che era stato provato che stavate dicendo il falso". E ancora rivolgendosi a Cinque e a Tripoli: "Avete mentito sapendo di mentire. Voi, pubblici ufficiali, avete dichiarato reiteratamente il falso". Miceli, che torna a chiedere le dimissioni di Cinque "per il modo in cui ti comporti - scrive rivolgendosi al sindaco di Bagheria - in qualità di amministratore e per la sfacciataggine con cui riesci a mentire ai tuoi cittadini", poi aggiunge: "La casa dei miei genitori? Non lo so, verificherò".