Live Sicilia

sanità

Crocetta si schiera con Candela
"Ha il mio pieno appoggio"


Articolo letto 1.586 volte

Il governatore: "Dal manager una instancabile azione per la trasparenza".


PALERMO - "La valutazione dei manager della sanità non è una questione politica, non può riguardare questo o quel partito nè addirittura aree di un partito o la commissione Sanità dell'Ars. I manager vengono scelti dal governo come prevede la legge e valutati dall'assessorato alla Salute e dall'intero governo. Al manager dell'Asp 6 di Palermo Antonio Candela va il mio pieno appoggio per l'attività che sta svolgendo". Lo dice il presidente della Regione, Rosario Crocetta.

Per Crocetta "colpiscono gli attacchi da parte di qualcuno nei confronti di Candela perché dagli atti in possesso del governo e delle conoscenze che abbiamo sull'attività di questo manager emerge una instancabile azione per la trasparenza e per la legalità che ha determinato l'assegnazione da parte del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza di una tutela personale in considerazione dei gravi rischi che corre". Il governatore bacchetta poi la commissione Sanità dell'Ars, guidata da Pippo Digiacomo (Pd): "Ha sicuramente il diritto di esprimere indirizzi nei confronti del governo ma non nei confronti dei manager e non può dare indicazioni gestionali alle aziende sanitarie". "La commissione - aggiunge Crocetta - può disporre ispezioni e controlli ma non può sostituirsi al governo nell'attività amministrativa e di indirizzo ne può sostituirsi ai manager nelle scelte sugli appalti". "La politica - incalza il governatore - non entri assolutamente nella gestione delle Asp e se sospetta irregolarità non lo faccia sulla stampa ma nelle sedi opportune. La mia solidarietà è netta nei confronti di Candela per il lavoro che fa e per lo slancio che da' alla sanità palermitana".