Live Sicilia

Il sindacato

Precari della Sanità, la Cisl Fp:
"Usare le graduatorie esistenti"


Articolo letto 3.221 volte

Il segretario generale Caracausi: "Ricorrere alle graduatorie già pronte consentirebbe di velocizzare notevolmente i tempi per dotare gli ospedali, sull'orlo del collasso, del personale che è ormai fondamentale. I concorsi? Si faccia un unico concorsone".

VOTA
0/5
0 voti

Il segretario generale Cisl Fp, Gigi Caracausi
PALERMO - “Comprendiamo le perplessità dell'assessore Gucciardi nell'attingere pienamente alle graduatorie esistenti per rimpinguare gli organici di Asp e ospedali col personale del ruolo tecnico e sanitario. Ma crediamo allo stesso modo che sia utile e possibile ricorrere a quelle graduatorie per la stabilizzazione dei precari storici della Sanità siciliana, gli ex lavoratori socialmente utili”. Lo dichiara il segretario generale della Cisl Fp Gigi Caracausi: “Ricorrere alle graduatorie già pronte – aggiunge Caracausi - consentirebbe di velocizzare notevolmente i tempi per dotare gli ospedali del personale che è ormai fondamentale, anche in seguito alle nuove regole sugli orari di lavoro che stanno portando gli ospedali sull'orlo del collasso”.

"Inoltre - continua Caracausi - la creazione di un Centro unico per le prenotazioni potrebbe consentire la stabilità per quei tanti precari a cui, al momento, non si offre alcuna garanzia per il futuro, garantendo inoltre quella 'condivisione' di informazioni necessarie per una Sanità più efficiente"

Sempre a proposito dei concorsi, la Cisl Fp lancia la sua proposta: “Invitiamo l'assessore – dice Caracausi - ad abbandonare la strada che porta a 18 singoli concorsi espletati da Aziende sanitarie e ospedaliere, e di puntare a un concorsone unico che porterebbe con sé una serie di vantaggi dal punto di vista della trasparenza, dell'indipendenza dalla politica e dell'abbattimento dei tempi per contrattualizzare il nuovo personale”.