Live Sicilia

Palermo

Blitz anti abusivismo dei vigili
Raffica di multe e sequestri


Articolo letto 2.568 volte
, Cronaca

Gli interventi, coordinati dal commissario Salvatore Randazzo, responsabile del settore, sono stati compiuti nei confronti di un negozio di alimentari in via Alessio Narbone, un negozio di frutta e verdura in via G. Di Marzo ed un pub in piazza Borgese.

VOTA
1/5
1 voto

PALERMO - Nell’ambito dei controlli del territorio predisposti dal Comandante Vincenzo Messina finalizzati agli accertamenti amministrativi sugli esercizi commerciali, il Caep - nucleo controllo attività economiche e produttive - della polizia municipale, ha rilevato sanzioni per un importo totale di dodicimila euro, oltre ad avere disposto la chiusura immediata di una rivendita di prodotti ortofrutticoli priva di autorizzazioni amministrative e denunciato il titolare di un pub per occupazione abusiva di suolo pubblico con tavoli e sedie.

Gli interventi, coordinati dal commissario Salvatore Randazzo, responsabile del settore, sono stati compiuti nei confronti di un negozio di alimentari in via Alessio Narbone, un negozio di frutta e verdura in via G. Di Marzo ed un pub in piazza Borgese. In via Ugo Bassi invece, dai controlli espletati, un pub è risultato in regola con le autorizzazioni e la normativa vigente, mentre sono in corso ulteriori accertamenti per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande, intrapresa da una associazione culturale sita in via Bara all’Olivella. In via Alessio Narbone è stato riscontrato un esercizio dedito alla vendita di prodotti alimentari e detersivi, il cui titolare non ha esibito agli agenti alcuna autorizzazione amministrativa né la dichiarazione di inizio attività; oltre alle sanzioni per un importo totale di seimila euro, è stata disposta la chiusura immediata dell’esercizio. Identico provvedimento nei confronti del titolare di un negozio di frutta e prodotti ortofrutticoli in via G. Di Marzo, riscontrato anch’esso abusivo. Ancora, in piazza Borgese il titolare di un pub, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per occupazione abusiva di suolo pubblico, poiché esercitava il servizio all’esterno del locale, occupando il suolo pubblico con tavoli e sedie, senza avere alcuna autorizzazione.