Live Sicilia

enna

I guai della Fondazione Kore
Ricorso contro commissariamento


Articolo letto 9.117 volte
, Enna

I legali della Fondazione:  "Il presupposto su cui si fonda il provvedimento è legato ad una norma del codice civile che è stata violata dalla prefettura".

VOTA
5/5
1 voto

ENNA - "In ordine alla vicenda del trasferimento del prefetto di Enna cui la stampa nazionale ha dato ampio risalto, colpisce che nessuno si sia chiesto se il commissariamento della Fondazione Kore avviato dal prefetto sia legittimo". Lo scrivono in una nota i legali della Fondazione Kore di Enna, sottolineando di "aver già da tempo presentato ricorso al Tar per l'annullamento del provvedimento prefettizio". "Non un solo articolo di giornale - si legge nella nota - ha spiegato, ad esempio, che il presupposto su cui si fonda l'azione della Prefettura di Enna è legato ad una norma del codice civile che è stata violata proprio dall'Ufficio Territoriale del Governo, il quale ha ritenuto, nonostante una specifica ordinanza del Tribunale del riesame di Enna, che l'Ente che supporta l'Università Kore non avesse capacità economica". "Dinanzi ad atti palesemente illegittimi - aggiungono i legali - gli organi della Fondazione hanno ritenuto di avere come unico interlocutore l'Autorità Giudiziaria. Atteggiamento che è stato premiato proprio dalle pronunce giudiziarie che, fino ad oggi, hanno sempre riconosciuto la piena regolarità degli atti compiuti. E così facciamo davanti al Tar Catania che valuterà posizioni giuridiche e null'altro". Secondo i legali "le polemiche giornalistiche non possono nascondere la realtà giuridica dei fatti" e "nulla potrà scalfire la realtà di un provvedimento che, purtroppo, ha pesato e pesa ancora oggi negativamente sull'immagine dell'università". "Tutto il territorio ennese - concludono i legali - e la Fondazione Kore attendono fiduciosi che la magistratura amministrativa possa vanificare gli effetti di un atto di confisca ai danni di un soggetto privato".