Live Sicilia

La storia

Prova d'amore di una nonna
Ecco cosa ha fatto


Articolo letto 5.581 volte
, Catania, Cronaca

Una nonna della provincia di Catania che vede il nipote soffrire. E fa una scelta coraggiosa. Una scelta d'amore.

VOTA
2.5/5
2 voti

TORINO- Il nipote di 15 anni soffriva sin da bambino di una malattia renale congenita. E da oltre un anno era sottoposto a dialisi. A salvarlo è stata la nonna materna, che gli ha donato un rene e ha messo così fine alle sue sofferenze. Il gesto d'amore all'ospedale Molinette di Torino. Il ragazzino e la nonna sono originari della provincia di Catania. Il trapianto è tecnicamente riuscito e nonna e nipote sono ricoverati presso la degenza e la terapia intensiva della Nefrologia Dialisi Trapianto delle Molinette. Il quindicenne era seguito dall'equipe pediatrica, diretta dal dottor Bruno Gianoglio, dell'ospedale infantile Regina Margherita di Torino. L'intervento di prelievo del rene dalla nonna donatrice è stato eseguito in laparoscopia dagli orologi Paolo Gontero e Giovanni Pasquale dell'equipe del professor Bruno Frea. Nella sala operatoria accanto il trapianto, effettuato dai chirurghi vascolari Maurizio Merlo, Aldo Verri e Monica Hafner e dall'urologo Omid Sedigh. Il ragazzo è ora sganciato dalla dialisi.

"Sono contenta, è andato tutto bene. L'incubo che avevo era che qualcosa andasse storto e che il mio gesto fosse avvenuto invano". Lo dice Giuseppina, la nonna siciliana, 56 anni, che ha donato un rene al nipote 15enne. L'espianto dell'organo, e il successivo trapianto, all'ospedale Molinette di Torino. "Ho fatto tutti gli esami un anno e mezzo fa ed è emerso che eravamo compatibili - racconta all'ANSA la donna -. A quel punto non ho esitato un attimo e ho detto che volevo fare questo regalo a mio nipote. Ora stiamo tutti bene, ringrazio i medici e speriamo che tutto prosegua per il meglio". (ANSA)