Live Sicilia

Forza Italia e grillini

Corte dei Conti, le reazioni
"Bocciato il governo Crocetta"


Articolo letto 14.157 volte
, Politica

"L'assenza di Crocetta e Baccei all'inaugurazione dell'anno giudiziario è l'emblema del comportamento arrogante e irresponsabile che ha caratterizzato questa legislatura da dimenticare".

VOTA
3/5
2 voti

PALERMO- "La Corte dei Conti siciliana, nel corso dell'inaugurazione dell'anno giudiziario, ha confermato quanto Forza Italia sostiene da tempo, la nostra regione è vicina al tracollo, finanziario e sociale, con un'amministrazione regionale incapace di individuare le vie della ripresa e di gestire correttamente le risorse". Lo dice Marco Falcone (nella foto), capogruppo di Forza Italia all'Ars. "La Corte indica anche come nelle politiche per l'occupazione e nella spesa dei fondi europei, Palazzo d'Orleans riesce a dare il peggio - aggiunge - Pessimo giudizio della Corte anche su una spending review solo accennata, sulla gestione della formazione e della cultura. Accuse fondate e circostanziate, che auspichiamo diano uno scossone all'esecutivo regionale, colpevole altresì di avere messo in piedi una finanziaria del tirare a campare, che non guarda al domani, che non programma, che non costruisce alcun percorso di crescita".

"Quella della Corte dei Conti è una bocciatura senza appello e a 360 gradi, che non arriva dalle opposizioni ma da organi terzi, che giudicano sulla scorta dei numeri e fuori dall'agone politico. Per la magistratura contabile non c'è praticamente settore che si salvi: dalla Formazione, ai rifiuti, ai Beni culturali, ai trasporti è un interrotto pianto greco, un colossale fallimento che solo il Pd e Crocetta fanno finta di non vedere". E' quanto si legge in una del M5s all'Ars. "Il pesantissimo atto di accusa arriva all'indomani di una finanziaria che è la certificazione di uno stato di default ormai nei fatti - aggiungono i 5stelle - si è raschiato il fondo di tutti i barili possibili, cercando di mettere toppe in un vestito oramai a brandelli. L'assenza di Crocetta e Baccei all'inaugurazione dell'anno giudiziario è l'emblema del comportamento arrogante e irresponsabile che ha caratterizzato questa legislatura da dimenticare. Ci chiediamo fino a che punto chi è al timone di questo sgangherato vascello ormai alla deriva, che è la Regione siciliana, avrà l'ardire di tirare la corda: le dimissioni di Crocetta e di questo sciagurato governo sono l'unica soluzione possibile nell'interesse di tutti i siciliani". (ANSA)