Live Sicilia

Caltanissetta

"Incapace di intendere"
Il processo termina qui


Articolo letto 2.870 volte
, Caltanissetta, Cronaca

Antonino Santapaola, tra l'altro, è affetto da "disturbo dissociativo difettuale, collegato al riaffioramento di problematiche angosciose, vissute da giovane". (nella foto il tribunale di Caltanissetta).

VOTA
0/5
0 voti

CALTANISSETTA- E' diventata definitiva la sentenza emessa nello scorso ottobre dal Gup di Caltanissetta, dichiarando il "non doversi procedere" nei confronti di Antonino Santapaola, fratello del capomafia ergastolano Bendetto, perché "incapace in maniera irreversibile di partecipare coscientemente al processo", in cui era imputato per estorsione continuata. La decisione è del giudice David Salvucci su parere conforme della Procura e sollecitata dall'avvocato Giuseppe Lipera. Secondo una perizia d'ufficio del prof. Antonio Di Rosa, Antonino Santapaola è affetto da "disturbo dissociativo difettuale, collegato al riaffioramento di problematiche angosciose, vissute da giovane, ed allo scompaginamento mentale successivo, dovuto alle conseguenza delle cerebrolesività post-traumatica, frontale e temporale". Secondo il perito del Giudice nisseno "la stabilità definitiva delle compromissioni spico-organiche post-traumatiche fanno assumere un taglio irreversibile alla situazione". (ANSA)