Live Sicilia

la riforma

Gestione del servizio idrico
Contrafatto commissaria i Comuni


Articolo letto 6.456 volte
L'assessore ai Servizi a rete Vania Contrafatto

L'assessore alle Acque e Rifiuti firma una nuova circolare con la quale impone entro il 12 aprile agli enti locali di dar vita alle nuove Autorità d'Ambito.

VOTA
1/5
2 voti

PALERMO - L'assessore alle Acque e Rifiuti, Vania Contrafatto commissaria i Comuni sulla gestione del servizio idrico e firma una nuova circolare con la quale impone entro il 12 aprile agli enti locali di dar vita alle nuove Autorità d'Ambito. Entro un mese si dovranno insediare tutte le nuove Assemblee territoriali idriche. "Nonostante l'approvazione della riforma da parte dell'Ars e l'emanazione di un decreto che delimita gli ambiti territoriali ottimali, ad oggi nessuna assemblea territoriale idrica è stata formalmente insediata - dice l'assessore -. Le assemblee, che riuniscono i comuni, hanno il fondamentale compito di dover stabilire, in piena autonomia, la forma di gestione del servizio ed è quindi necessario premere l'acceleratore per attuare la riforma nell'interesse dei cittadini. Per questo entro e non oltre il 12 aprile prossimo tutte le Assemblee dovranno essere insediate e approvare il proprio Statuto".

"Abbiamo per questo confermato i commissari straordinari e liquidatori perché svolgano le proprie funzioni fino al formale insediamento delle Ati. - osserva -. Il funzionamento del servizio idrico è di fondamentale importanza per i siciliani e non consentiremo che ulteriori ritardi possano danneggiare la vita dei cittadini che hanno diritto a un servizio efficiente". I vecchi commissari degli Ato restano in sella fino alla costituzione delle nuove Autorità d'Ambito. Entro il 18 marzo verranno convocate l'assemblea dei sindaci che obbligatoriamente dovranno dar vita all'Autorità d'Ambito.