Live Sicilia

l'ex governatore

Cuffaro a Roma:
"Crocetta non inietta fiducia"


Articolo letto 13.867 volte
totò cuffaro, Politica

L'ex presidente a Roma per la presentazione di un libro: "La politica sta togliendo ai siciliani la voglia di reagire.

VOTA
4.1/5
9 voti

ROMA - Totò Cuffaro a Roma per la presentazione del libro di Simone Nastasi (Bonfirraro editore) dal titolo "Totò Cuffaro tutta un'altra storia", accolto da una piccola folla di fotografi e cineoperatori.  "Neanche fossi Berlusconi. Non immaginavo che il carcere mi desse tutta questa notorietà", ha esclamato al sul arrivo a piazza Montecitorio alla libreria Arion. Cuffaro ha risposto alle domande dei giornalisti prima della presentazione del suo libro dove sono accorsi amici storici tra cui il deputato Saverio Romano.

"La Sicilia sta attraversando una crisi devastante dovuta a fattori contingenti, ma la cosa peggiore è che la gente non ha voglia di reagire, trovi i siciliani troppo sfiduciati - ha detto Cuffaro -. Ho girato ovunque in questi settanta giorni dalla mia scarcerazione e devo dire che in ogni parte della Sicilia la gente è scoraggiata. Crocetta al contrario di Renzi non sta iniettando fiducia nel popolo siciliano. Il presidente del Consiglio quanto meno ci sta provando, il governatore di Sicilia no, la politica sta togliendo ai siciliani la voglia di reagire. Con questo non voglio dire che voterò mai Renzi. Non capisco perché il Pd dopo una mia dichiarazione abbia perso tempo ad animare un dibattito inutile sui miei amici che oggi sono nel Pd. È un fatto naturale, sono partiti di maggioranza e in molti doni andati nel Partito democratico. E poi secondo voi non è possibile che fra oltre 1,8 milioni di persone che mi hanno votato qualcuno non abbia votato Pd? Ribadisco che non ho nessun interesse a tornare a fare politica, stiano tranquilli quanti ritengano che io abbia intenzione di tornare nell'agone della politica. Sono comunque contento che moltissima gente in Sicilia e anche altrove possa continuare ad avere simpatia per me. L'affetto che ho avuto non solo dagli amici stretti è stato immenso e nessuno può dire che questa gente riceve in cambio prebende. Non ricopro alcun incarico istituzionale e se mi sono vicini è solo perchè mi vogliono veramente bene".