Live Sicilia

il caso

Ferrandelli: "Basta Pd-teatrino
E Raciti si faccia da parte"


Articolo letto 16.509 volte
, Caltanissetta, Politica
Fabrizio Ferrandelli, ex deputato regionale e leader del movimento "I Coraggiosi"

L'ex deputato regionale a proposito dei due segretari cittadini del Partito democratico di Gela eletti in due congressi alternativi: "Il partito ha bisogno di un segretario e non di un capocomico". La replica di Raciti: "...disse quello vestito da panda".


PALERMO - "In Sicilia bisogna dire basta al Pd-teatrino e Fausto Raciti deve farsi da parte perché questo Pd ha bisogno di un segretario e non di un capocomico". Lo dice Fabrizio Ferrandelli, ex deputato regionale del Pd e leader dei Coraggiosi, a proposito dei due segretari cittadini del Pd di Gela eletti in due congressi alternativi.

"A Gela, con l'elezione di due segretari cittadini - aggiunge - siamo all'ennesima replica di una commedia fatta di prove muscolari tra correnti e poca politica, che non fa altro che allontanare la gente dal Pd e alimentare l'anti politica, il populismo e la demagogia. E, infatti, tra i due litiganti il M5S ha goduto qualche mese fa e continuerà a godere se non si pone fine a questa messa in scena la cui regia è del capocomico Raciti".

"Gela, la città di Crocetta, e i gelesi - conclude - meritano di più e si aspettano da noi, considerando anche la fallimentare esperienza amministrativa dei grillini di questi mesi, un Pd serio, aperto e unito e invece continuiamo a essere il loro spot più bello. Non ce lo possiamo più permettere e chi, in questo teatrino, ha avuto un ruolo, deve farsi da parte. Se l'ultimo segretario cittadino, Carlo Romano si è dimesso non l'ha fatto di certo per assistere all'elezione di due segretari. Incontriamoci, chiamiamo a raccolta la società e rigeneriamo l'idea di partito".

Non si fa attendere la replica di Raciti che risponde al tweet di Ferrendelli. "Raciti a casa", scriveva nel pomeriggio l'ex deputato regionale sul social. "Disse quello vestito da panda" è la replica del segretario del Pd. Ferrandelli si mascherò proprio da panda durante un'intervista successiva alle dimissioni da deputato regionale. Un animale in via di estinzione con il quale il leader de "I Coraggiosi" disse di identificarsi per la sua storia politica.