Live Sicilia

PALERMO : OPERAZIONi BRASCA-Quattro.Zero

In ginocchio davanti al capomafia
L'imprenditore chiese aiuto al boss


Articolo letto 18.649 volte
boss, cosa nostra, mafia, marchese, Monreale, operazione brasca, palermo, santa maria di gesù, Cronaca

Il costruttore si umilia davanti al capomafia di Santa Maria di Gesù per "salvare" un affare immobiliare a Villaciambra. "In memoria di mio padre mi metto in ginocchio, ci siamo sempre voluti bene".

VOTA
2.5/5
11 voti

PALERMO - È la scena simbolo del blitz. Un imprenditore, all'epoca pure consigliere comunale a Monreale, pronto a inginocchiarsi davanti al capomafia. È la scena che fa invocare al procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi, la necessità di un intervento normativo per punire in maniera più severa il perverso intreccio fra Cosa nostra e il mondo dell'imprenditoria.

Il 7 marzo 2013 l'anziano boss di Santa Maria di Gesù, Mario Marchese, riceve a casa Romeo Albano, imprenditore di 65 anni eletto in quota Forza Italia. Le microspie dei carabinieri del Ros registrano. Il tono è confidenziale: “Come mai da queste parti? perché ti devo parlare”. L'imprenditore, assieme al fratello, ha un problema da risolvere: “Sono 27 unità abitative… di 80,90 e 100 metri quadrati”. In ballo c'è una lottizzazione a Villaciambra. I fratelli Albano si erano accordati con un costruttore, al quale però “subentrano i Di Carlo”, che hanno metodi bruschi: “… qua il lavoro è nostro ce lo dobbiamo fare noi”, gli avrebbero detto.

Eccolo il problema da risolvere: gli Albano, insoddisfatti per la qualità e i tempi di di realizzazione di alcune opere preliminari, chiedono l'intervento di Marchese “perché non ho più niente a che dividere con questo che mi ha rubato per altri 11 mesi… ed un altro anno e mezzo i signori… io non posso rischiare Mariano… di perdere il progetto... quello che io ti chiedo… con il cuore in mano… chiamiamo a Ignazio Di Carlo... lui l'importante è che si ritira”. Poi, la frase choc: “Vuoi che mi metto in ginocchio?... in in memoria di mio padre mi metto in ginocchio ti ho sempre stimato e ci siamo sempre voluti bene”.

Al capomandamento viene data carta bianca per scegliere un costruttore capace di assumersi l'onere economico per portare avanti il progetto: “... poi se tu… tramite lui… tramite un altro… conosci a qualcuno che ha soldi… che ha soldi da potere coprire tutte cose … qua un investimento sicuro è”. Marchese ha le idee chiare su chi coinvolgere: il genero Cosimo Vernengo e suo fratello Ruggero, soci occulti dell'imprenditore Filippo Lorenzo Lucchese. Vernengo, altro cognome storico nella storia della Cosa nostra palermitana.