Live Sicilia

La giunta del Coni a Palermo

Stadio, l'ultimatum di Orlando
"C'è tempo fino al 31 marzo"


Articolo letto 6.304 volte
, Cronaca
Maurizio Zamparini e Leoluca Orlando

Il sindaco accelera sul recupero del velodromo: "Dal club rosanero non abbiamo ricevuto nulla".

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - "Sul nuovo stadio abbiamo detto a Zamparini che se presentava un progetto per la rifunzionalizzazione degli spazi del Velodromo noi saremmo stati disponibili a un confronto. Non è ancora arrivato nulla". Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che oggi ha partecipato alla giunta del Coni, sulla possibile realizzazione di un nuovo stadio da parte del Palermo Calcio. "Il progetto sul velodromo fa riferimento a compensazioni urbanistiche bloccate per legge - ha ribadito - Se non arriva nulla entro fine marzo, ricontatterò Zamparini per capire se c'è ancora interesse. In caso contrario, vogliamo recuperare il velodromo".

La giunta nazionale del CONI si è riunita questa mattina presso Villa Niscemi, sede istituzionale del Comune di Palermo, presieduta dal presidente Giovanni Malagò e con la partecipazione dei presidenti di federazioni olimpiche e di atleti di eccellenza mondiale e olimpionica. "Per la prima volta - ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando - il massimo organo di governo del CONI nazionale si è riunito in una città del Sud. Un saluto di benvenuto e di gratitudine - ha continuato il primo cittadino - per Coni e Credito Sportivo. Con 5 milioni ottenuti dal Governo nazionale partecipano e collaborano ad un piano di interventi messo a disposizione dal Comune di Palermo per decine di opere di rifunzionalizzazione e recupero di palestre e impianti sportivi, anche presso le scuole, già attuati o in corso di realizzazione o progettazione".

Il crono-programma degli interventi da eseguire negli impianti sportivi palermitani, per complessivi 25 milioni di euro, prevede lavori ad iniziare dalla Cittadella dello Sport, con il Palazzetto dello sport e il Diamante di Baseball, per circa 14 milioni di euro, di cui 9 provenienti dalle casse comunali e 5 dal Governo nazionale. Sono previsti, inoltre, opere di rifunzionalizzazione di impianti come il PalaMangano e il Palauditore, senza dimenticare che lo scorso anno, con risorse interamente comunali, è stata riaperta la Struttura equestre “Giuseppe Di Matteo”, nel parco della Favorita.

Nel corso della Giunta, il presidente Malagò ha espresso al sindaco apprezzamento per l'impegno del Comune e, in particolare, proprio in riferimento al Palazzetto dello Sport e al Diamante di Fondo Patti, per le risorse reperite e i progetti di copertura in fase di appalto a totale carico del Comune, e di completamento, utilizzando risorse comunali e i fondi promessi da Governo, di tutte le opere necessarie per la riapertura del complesso dopo anni di abbandono.

Il sindaco Orlando ha, infine, confermato Palermo come città sede di partite di calcio in relazione alla candidatura dell'Italia per le Olimpiadi 2024 e ha espresso "riconoscimento per la presenza, sia per quanto riguarda gli anni passati, che per quelli futuri, di grandi competizioni sportive internazionali che arricchiscono la ormai importante attrazione turistica della città anche sotto il profilo turistico sportivo".