Live Sicilia

Il varo al porto

Trapani, ecco l'aliscafo
più grande del mondo


Articolo letto 14.938 volte
aliscafo più grande al mondo, trapani, ustica lines, Trapani
Il varo del 'Gianni M' al porto di Trapani

Ustica lines ha investito 7 milioni di euro sul 'Gianni M'. FOTO

VOTA
0/5
0 voti

TRAPANI - Collegherà Trapani a Pantelleria, a partire da giungo, l'aliscafo più grande del mondo, interamente costruito nei cantieri di Trapani della Ustica Lines, inaugurato stamani dall'armatore Ettore Morace alla presenza del governatore della Sicilia Rosario Crocetta e dell'assessore regionale sui trasporti Giovanni Pistorio. L'aliscafo, realizzato in due anni tra progettazione e costruzione, ospiterà 350 passeggeri in quattro saloni differenti. Ustica lines ha investito 7 milioni di euro, parte dei fondi sono comunitari. "La concezione moderna delle ali - dice Morace - consente al mezzo veloce di poter affrontare il mare con un grado di confort per i passeggeri mai raggiunto prima d'ora. Una innovazione totale nel modo di concepire i mezzi veloci che si traduce in maggiore silenziosità, grazie a pannelli realizzati con materiali moderni e fonoassorbenti, maggiore sicurezza e massimo confort".

Il Gianni M, il nome dell'aliscafo, raggiunge una velocità di 35 nodi e monta due motori caterpillar da 3.000 cavalli. Il mezzo è certificato come rispondente a tutti i requisiti internazionali di sicurezza. Alla costruzione hanno contribuito circa 100 maestranze. A tagliare il nastro durante la cerimonia per il varo dell'aliscafo Gianni M è stato il vice ministro delle infrastrutture Simona Vicari.

"Il progetto è molto importante sia per il notevole risultato tecnico ottenuto, con il suo contenuto di innovazione tecnologica, sia per l'impatto che si è determinato sul territorio dal punto di vista socio-economico". Così il Rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari, commentando il varo dell'aliscafo, prototipo del progetto di Ricerca e Sviluppo PON02_00153_2939568 finanziato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca nell'ambito del PON Ricerca e Competitività 2007-2013. "Si è rivitalizzata, infatti, grazie al fondamentale contributo del nostro Ateneo, l'attività cantieristica di alto livello innovativo che proietta nuovamente la Sicilia in prima linea nel settore della progettazione e produzione di unità veloci marittimi per trasporto passeggeri. Si è concretizzata – continua Micari - una mirabile sinergia tra UniPa e Ustica Lines che ha contribuito a determinare la scelta strategica della società di dare vita ad un proprio cantiere, la cui principale attività è quella della realizzazione di mezzi di unità navali sia per il rinnovo e ammodernamento della propria flotta che per la costruzione di unità richieste dal mercato internazionale. Ad oggi risultano impiegati in questa attività circa 80 unità tra ingegneri, tecnici e operai. Un grande risultato, di cui dobbiamo andare orgogliosi e fieri, per la nostra Università e per la Sicilia".