Live Sicilia

Il sangue

Avvelena le due figlie piccole
Gela, la madre tenta il suicidio


Articolo letto 84.957 volte
gela, madre, madre uccide figlie, omicidio, tragedia gela, veleno, Caltanissetta, Cronaca

Giuseppa Savatta, insegnante precaria, ha avvelenato le sue 2 bimbe. La scoperta fatta dal padre Vd

VOTA
0/5
0 voti

GELA (CALTANISSETTA) - Tragedia a Gela. Una madre, Giuseppa Savatta, ha ucciso le sue due figlie, Gaia e Maria Sofia, di sette e nove anni, avvelenandole, e ha tentato il suicidio. È accaduto nel centro storico di Gela, nel Nisseno, in via Passaniti, a pochi metri dalla chiesa Madre. Sul posto sono giunti i carabinieri, oltre al procuratore Fernando Asaro e al pm di turno Monia Di Marco.

La donna, 41 anni, avrebbe fatto ingerire candeggina alle piccole e ha inoltre tentato di avvelenarsi ingerendo lo stesso liquido provando poi a gettarsi dal balcone della casa in cui è avvenuta la tragedia. Giuseppa Savatta, moglie di un ingegnere, si trova ora ricoverata all'ospedale di Gela.

A fare la macabra scoperta è stato proprio il padre delle piccole, Vincenzo Trainito, rientrato da lavoro intorno alle 13. L'uomo è riuscito a bloccare la moglie poco prima che si lasciasse cadere nel vuoto dal secondo piano della palazzina monofamiliare in cui vivono. I corpicini delle due bambine, 9 e 7 anni, sono stati trovati distanti l'uno dall'altro: uno nel corridoio e l'altro nella camera da letto. I carabinieri stanno tentando di ricostruire le modalità con cui la donna avrebbe agito.

Giuseppa Savatta è un'insegnante precaria: da circa un mese aveva preso servizio come insegnante di spagnolo nella scuola media Ettore Romagnoli di Gela. In ambiente scolastico la descrivono come una donna "molto gentile, disponibile e a modo". I vicini di casa ricordano le due bimbe, che frequentavano un istituto privato della città, uscire ogni mattina da casa con la madre per andare a scuola.