Live Sicilia

Salemi

"Festa per il nuovo anno senza mafie"
Ospite la band 'Direzione Sud'


Articolo letto 2.857 volte
, Trapani
Salemi

Il progetto 'Officine della legalità 3.0'.

VOTA
0/5
0 voti

SALEMI. Si concluderà oggi, 30 dicembre, dicembre con la "Festa per il nuovo anno senza mafie" il progetto #Officine della legalità 3.0, curato dall'Associazione Koinè, Associazione Giovani di Salemi e Associazione Culturale Peppino Impastato, in collaborazione con l'Assessorato alla cultura, turismo e spettacolo della Città di Salemi e realizzato con il contributo del Consorzio trapanese per la legalità e lo sviluppo. Il progetto, avviato il 18 novembre, ha offerto ai giovani del territorio diverse opportunità di crescita culturale con la possibilità di fare cittadinanza attiva sul tema "legalità".

Sono stati proposti, per raggiungere l'obiettivo, quattro laboratori: Fotografia (curato da Gabriella Ebano), Video (curato da Alberto Castiglione), Fumetto (curato da Marco Rizzo e Matteo Giurlanda) Teatro di narrazione (curato da Giacomo Guarneri). I Laboratori hanno avuto l'alternanza di professionisti che hanno declinato, ognuno per la propria specializzazione, il fil rouge della "Bellezza" all'interno della loro attività.

Durante il Laboratorio di partecipazione per la realizzazione del "Tavolo della legalità", invece, sono stati trattati parecchi temi da poter condividere nel tavolo. E' stata confermata, inoltre, la volontà di realizzare un vero e proprio tavolo che assumerà la forma già disegnata dal logo del progetto.

Anche in tale circostanza l'amministrazione, ritenendo ripetibile il progetto, ha deliberato, su proposta del l'assessore alla cultura Giuseppe Maiorana, di ripensare al nome del Museo della Mafia "L. Sciascia", accompagnandolo con Officina della legalità.

"Il Museo della Mafia, sin dalla sua costituzione, continua a suscitare interesse da parte dei visitatori regionali, nazionali e internazionali - affermano il sindaco di Salemi Domenico Venuti e Maiorana- ma siamo consapevoli che la mafia non deve essere solo 'museificata', deve essere oggetto di quotidiana riflessione soprattutto da tutte le agenzie educative ed enti locali. Occorre, di contro, che le nuove generazioni siano attivi protagonisti nella lotta al sistema mafioso. Abbiamo voluto, pertanto, dotare il Museo della mafia di una vera e propria fucina di idee per la divulgazione di pensieri e azioni quotidiane legali, con lo scopo di immaginare nuovi percorsi per un mondo diverso, fatto di gente consapevole, che diffonde serenità e sia in grado di discernere ciò che è legale e ciò che non lo è."

Durante la serata del 30 dicembre, a partire dalle 19.30 ci sarà la possibilità di poter osservare tra le sale del Museo della Mafia i lavori realizzati durante i laboratori. A seguire invece, sarà l'occasione per incontrare il giovane giornalista del programma televisivo Le Iene, Ismaele La Vardera che, assieme al noto cantautore Marco Ligabue, presenteranno il loro progetto artistico-musicale "Il silenzio è dolo". Concluderanno la "festa" la band Direzione Sud. L'ingresso è gratuito.