Live Sicilia

Trasporti

L'aeroporto del Mela, Crocetta:
"Sarà un hub internazionale"


Articolo letto 8.370 volte
, Messina
Il presidente dell'Enac Vito Riggio

Il presidente Enac, Riggio: "No comment, attendiamo lo studio". Un miliardo d'investimenti in 5 anni

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - "L'aeroporto non sarà concorrenziale a Palermo e Catania, ma un hub internazionale. L'idea è creare un polo internazionale integrato e intermodale di comunicazione aerea, ferroviaria, marittima e viaria. L'operazione prevede 1 miliardo di dollari di investimenti e l'aeroporto può essere realizzato in un anno e mezzo dalla autorizzazione". Lo ha detto il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta in conferenza stampa a Palazzo D'Orleans, a Palermo, parlando del progetto per la realizzazione dell'aeroporto a Pace del Mela (Me). All'incontro con i cronisti è presente l'imprenditore indiano Mahesh Panchavaktra, interessato alla realizzazione dello scalo nel Messinese.

"Non abbiamo rilasciato autorizzazioni ma abbiamo manifestato l'intenzione di sostenere quest'iniziativa. Non è un progetto per fare il terzo aeroporto siciliano concorrenziale a quelli di Palermo e Catania, né di fare un aeroporto - ha detto - per le isole minori. Seguo questa questione da quando ero parlamentare europeo". "L'area metropolitana di Messina è penalizzata dal punto di vista delle infrastrutture portuali. Il buon Riggio potrebbe dire che la zona produce poco, ma bisogna leggere il progetto. - aggiunge Crocetta - L'idea è di utilizzare il porto di Milazzo per creare una struttura portuale a Milazzo capace di intercettare navi da 200 tonnellate, che venga messo in comunicazione con le ferrovie". Poi Crocetta ha annunciato: "la prossima settimana avrà una idea di massima del progetto e dopo lo sottoporrò al ministero dei Trasporti".

Il presidente dell'Enac, Vito Riggio, intanto, sulle notizie relative alla realizzazione di un nuovo aeroporto in Sicilia, ribadisce che le uniche dichiarazioni da lui rilasciate "sono quelle contenute nel comunicato stampa del 10 gennaio", in cui ricorda essenzialmente "l'esistenza del Piano nazionale degli aeroporti a cui bisogna attenersi per lo sviluppo del settore". Riggio conferma di essere "fortemente interessato allo sviluppo del Mezzogiorno d'Italia e, in particolare, della Sicilia, nel pieno rispetto delle competenze delle Regioni stesse". L'Enac, inoltre, "si asterrà - si legge in una nota dell'Ente per l'aviazione civile - da ulteriori commenti in merito all'ipotesi di realizzazione di un nuovo aeroporto in Sicilia fino a quando non avrà ricevuto una relazione scritta sul progetto stesso, che l'Ente analizzerà e valuterà secondo le proprie competenze".

*Aggiornamento ore 18.54
"Il nostro è un gruppo giovane lavoriamo in vari settori, nell'area delle energie rinnovabili, nel trasporto rapido di beni di consumo, delle strutture civili e del trasporto logistico. Siamo una compagnia di investimento privato, a partire dalle energie rinnovabili. Finora abbiamo investito 1 miliardo di dollari nel mio Paese, l'India". Così l'imprenditore indiano Mahesh Panchavaktra, interessato alla realizzazione di un aeroporto nella Piana del Mela, connesso allo sviluppo di attività portuali e del sistema ferroviario. "Ci sono vari fattori che mi hanno portato a decidere di fare investimenti qui - ha detto - La Sicilia è al centro del Mediterraneo, il porto e l'aeroporto saranno un hub logistico, non sono gli unici posti dove faremo investimenti, ma anche nella trasformazione di prodotti alimentari. Sarà il primo porto logistico in Italia che userà energie rinnovabili, faremo degli stabilimenti in varie parti della Sicilia (Agrigento, Milazzo, Pace Del Mela, Messina e altri settori) per la produzione di pannelli solari e luci led nelle strade. L'energia che produciamo la consumeremo per le nostre attività, ciò che sarà in esubero sarà data gratis ai cittadini". "Il piano di investimento sarà di 1 miliardo di euro in cinque anni - ha detto parlando del progetto da realizzare nell'isola - e riguarda la trasformazione di prodotti agroalimentari, beni di consumo a trasporto rapido (latticino, olive e vino) e pannelli solari. Entro sette giorni il profilo della nostra compagnia e il progetto che faremo nei prossimi anni lo trasmetteremo alla Regione, a metà febbraio faremo un trattato di intesa per fare il nostro stabilimento con sede centrale a Milazzo e procedere da lì". "Il mio gruppo conta 16 mila dipendenti - ha aggiunto - operiamo nel settore dell'abbigliamento e per il 70% i nostri prodotti sono destinati al mercato europea, e in quello delle energie rinnovabili, abbiamo conseguito utili per 2,5 miliardi di dollari a marzo 2016, la sede principale della società è in India e dista tre chilometri da New Delhi".