Live Sicilia

Salute

"Vicini al tuo cuore"
Ecco il progetto


Articolo letto 1.469 volte
VOTA
0/5
0 voti

I benefici della “Comunicazione e continuità assistenziale per il paziente cardiologico”: il ruolo positivo della comunicazione tra medici, infermieri, malati e loro caregiver durante la degenza ospedaliera e in particolare nel momento della dimissione. E' questo l'obiettivo di “Vicini al tuo cuore”, un progetto pensato come modello pilota per l'applicazione delle nuove raccomandazioni regionali: fare incontrare i medici di medicina generale, cardiologi e personale infermieristico che operano in Sicilia per condividere percorsi e soluzioni capaci di migliorare la gestione integrata del paziente nelle varie fasi della patologia. A partire dall’implementazione della lettera di dimissione che, personalizzando la cura di ogni paziente dopo la fase ospedaliera, mette in campo un programma di prevenzione secondaria per evitare un nuovo ricovero del paziente. Per la prima volta, gli ammalati cardiologici vengono coinvolti in una condivisione attiva di responsabilità e i medici di medicina generale potranno confrontarsi con il reparto.

Le raccomandazioni, che uniformano le modalità di dimissione dei pazienti dalle unità operative di cardiologia siciliane, hanno un triplice obiettivo: ottimizzare la comunicazione dopo il ricovero tra personale sanitario, pazienti, familiari e caregivers; realizzare un'economicità di sistema, grazie a soluzioni applicative non difformi tra le aziende sanitarie locali; creare uno standard unico che integri ospedale e territorio, in linea con gli obiettivi della sanità pubblica nazionale. 
Il progetto si sviluppa in tre fasi: formativa, informativa e sperimentale. La prima si articola con incontri formativi locali in tutte le unità operative siciliane di cardiologia; la seconda prevede la pubblicizzazione del progetto e la diffusione di materiale informativo, in modo che il paziente, dopo il ricovero, abbia precise indicazione su cosa fare, ma soprattutto possa essere educato sullo stile di vita da tenere dopo l'evento traumatico. Con queste finalità, è già pronto il sito web (www.vicinialtuocuore.it), che sarà attivo per tutta la durata del progetto. Dalla piattaforma, pazienti e familiari potranno attingere e scaricare tutte le informazioni necessarie.
Il percorso si chiude con la fase della sperimentazione clinica: un modello di assistenza “stretta” dopo le dimissioni. Coinvolgerà circa 500 pazienti di tutta la sicilia, che una volta dimessi saranno seguiti attraverso quattro controlli annuali e incontri di counseling dedicati ai familiari e caregivers per monitorare i risultati. E’ prevista poi la verifica degli esiti sull’aderenza alla terapia e su alcuni target, come la colesterolemia e la pressione arteriosa, attraverso Audit Clinica e l’elaborazione statistica dei dati ottenuti.

 

 

“Vicini al tuo cuore”, già avviato, è stato presentato il 14 dicembre scorso nell'aula magna degli Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello di Palermo, l'Azienda ospedaliera capofila dell'iniziativa. Sono coinvolte tutte le Cardiologie siciliane: Asp Agrigento, Asp Caltanissetta, Asp Catania, Asp Enna, Asp Messina, Asp Palermo, Asp Ragusa, Asp Siracusa, Asp Trapani, Arnas Garibaldi, A.O. Papardo, A.O. Cannizzaro, A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele, Arnas Civico, A.O.U. Policlinico P. Giaccone, A.O.U. Policlinico G. Martino, Ismett, Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù, Buccheri-La Ferla, Irccs-Bonino Pulejo-Piemonte, nonché la Consulta regionale della Sanità.