Live Sicilia

Messina

Ylenia, l'ex respinge le accuse
Il Gip: deve restare in carcere


Articolo letto 14.872 volte
, Cronaca, Messina
Ylenia nell'intervista di Rainews

La difesa di Alessio Mantineo. Secondo il suo legale: era a casa e dormiva.

VOTA
0/5
0 voti

MESSINA - "Il mio cliente ha detto di non essere stato lui a dare fuoco alla ragazza: dormiva e non si è recato a casa della giovane". A dirlo l'avvocato Salvatore Silvestro legale di Alessio Mantineo, il 25enne fermato con l'accusa di aver tentato di uccidere la sua ex ragazza, Ylenia Grazia Bonavera, 22 anni, gettandole addosso della benzina e appiccando il fuoco. Il penalista lo ha riferito a conclusione dell'udienza di convalida del fermo davanti al Gip di Messina. La giovane è ricoverata al Policlinico con ustioni nel 13% del corpo. "Il mio assistito - ricostruisce l'avvocato Silvestro - ha riferito di volere bene alla ragazza e che mai avrebbe fatto un gesto del genere contro la giovane". Lei continua a difenderlo. La Procura ha depositato nuovi atti ribadendo l'accusa contesta al 25enne di tentativo di omicidio pluriaggravato. Il Gip si è riservato la decisione.

 

Resta in carcere Alessio Mantineo, il 25enne fermato dalla polizia di Stata, su disposizione della Procura, con l'accusa di aver tentato di uccidere la sua ex ragazza, Ylenia Grazia Bonavera, 22 anni, gettandole addosso della benzina e appiccando il fuoco. Lo ha deciso il Gip di Messina. (ANSA

(ANSA)