Live Sicilia

CONIUGI UCCISI

Mille euro per il delitto
Tutto per dei brutti voti


Articolo letto 8.648 volte
coniugi uccisi dal figlio, delitto pontelangorino, genitori uccisi dal figlio, riccardo vincelli
Nunzia Di Gianni e Salvatore Vencelli, i coniugi uccisi.

Era stato lo stesso figlio a dare l'allarme, ma era tutta una messinscena.

VOTA
0/5
0 voti

PONTELANGORINO (FERRARA) - La mano che ha ucciso i due coniugi Salvatore e Nunzia è quella dell'amico del figlio. Riccardo, 16 anni, aveva promesso  all'amico mille euro in cambio del delitto, con cui voleva liberarsi per sempre dei genitori che lo riprendevano troppo spesso per i cattivi voti a scuola. Una storia che lascia senza parole quella del duplice omicidio di Pontelangorino, nel Ferrarese, in cui sono stati uccisi, a colpi d'ascia, Salvatore Vincelli, 59 anni, e Nunzia Di Gianni, 45 anni, titolari del ristorante La Greppia di San Giuseppe di Comacchio.

Le misure nei confronti dei due ragazzi sono scattate dopo che erano emerse contraddizioni e incongruenze nei loro racconti. Poi le confessioni. Era stato lo stesso figlio a dare l'allarme, prima a una zia e poi ai carabinieri, in lacrime: diceva di aver trovato lui i corpi dei genitori. I cadaveri erano stati ritrovati avvolti in sacchi di plastica. Quello della madre era stato trovato vicino al letto, quello del padre in un garage, dove era stato trascinato dall'abitazione.