Live Sicilia

CONIUGI UCCISI

Mille euro per il delitto
Tutto per dei brutti voti


coniugi uccisi dal figlio, delitto pontelangorino, genitori uccisi dal figlio, riccardo vincelli
Nunzia Di Gianni e Salvatore Vencelli, i coniugi uccisi.

Era stato lo stesso figlio a dare l'allarme, ma era tutta una messinscena.

VOTA
0/5
0 voti

PONTELANGORINO (FERRARA) - La mano che ha ucciso i due coniugi Salvatore e Nunzia è quella dell'amico del figlio. Riccardo, 16 anni, aveva promesso  all'amico mille euro in cambio del delitto, con cui voleva liberarsi per sempre dei genitori che lo riprendevano troppo spesso per i cattivi voti a scuola. Una storia che lascia senza parole quella del duplice omicidio di Pontelangorino, nel Ferrarese, in cui sono stati uccisi, a colpi d'ascia, Salvatore Vincelli, 59 anni, e Nunzia Di Gianni, 45 anni, titolari del ristorante La Greppia di San Giuseppe di Comacchio.

Le misure nei confronti dei due ragazzi sono scattate dopo che erano emerse contraddizioni e incongruenze nei loro racconti. Poi le confessioni. Era stato lo stesso figlio a dare l'allarme, prima a una zia e poi ai carabinieri, in lacrime: diceva di aver trovato lui i corpi dei genitori. I cadaveri erano stati ritrovati avvolti in sacchi di plastica. Quello della madre era stato trovato vicino al letto, quello del padre in un garage, dove era stato trascinato dall'abitazione.