Live Sicilia

Palermo ed Enna

Voto alla Camera di Commercio
Il 28 febbraio il nuovo presidente


Articolo letto 12.339 volte
barcellona commissario camera di commercio palermo, commissario camera di commercio palermo, confcommercio, confindustria, elezioni, elezioni camera di commercio di palermo, urne, voto, Economia, Enna, Palermo
La Camera di commercio di Palermo

Il ministero ha scelto come commissario Guido Barcellona, via libera all'iter per le votazioni.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Tutto rinviato al 28 febbraio: sarà quello il giorno in cui la nuova Camera di Commercio di Palermo ed Enna insedierà il suo consiglio e potrà così procedere all’elezione del nuovo presidente. Il decreto con cui il Mise, il Ministero per lo Sviluppo economico, ha nominato Guido Barcellona come nuovo commissario ad acta porta la data del 27 gennaio, anche se è stato notificato alla Regione soltanto ieri.

Un provvedimento atteso e che aveva portato allo slittamento delle elezioni, inizialmente previste per il 31 gennaio. Dal momento che il vecchio commissario è andato in pensione lo scorso novembre, non sono stati infatti completati tutti gli adempimenti necessari per le elezioni e così l’assessore alle Attività produttive, Mariella Lo Bello, aveva scritto alle associazioni per annunciare lo slittamento. Roma aveva già individuato Barcellona, già commissario ad acta per l’accorpamento di Agrigento, Caltanissetta e Trapani, ma si attendeva la nomina ufficiale che è giunta proprio ieri.

A questo punto è diventata ufficiale anche la data delle elezioni, previste per martedì 28 febbraio: sarà quello il giorno della verità nella corsa alla presidenza a due fra Alessandro Albanese, di Confindustria, e di Patrizia di Dio, della Confcommercio. Una competizione che va avanti da mesi e che è stata costellata di denunce, ricorsi, accessi agli atti e accuse reciproche, con cambi di campo e rottura di vecchie alleanze.

Un clima di scontro che si è via via fatto sempre più incandescente, ma che adesso dovrebbe giungere al suo momento clou alla fine del mese prossimo. Sarà quello il giorno in cui si capirà chi sarà a spuntarla, restituendo a via Amari un presidente dopo il lungo commissariamento.