Live Sicilia

Palermo

Dall'Acqua si trasferisce a Milano
Segretario generale cercasi


Articolo letto 4.446 volte
Fabrizio Dall'Acqua

Orlando adesso dovrà trovare una soluzione-ponte, per non rischiare di rimanere scoperto sotto elezioni.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Chi sostituirà il Segretario generale del comune di Palermo? La domanda non è di poco conto e sta mettendo in serie difficoltà l’amministrazione Orlando. Fabrizio Dall’Acqua, dal 2010 in servizio presso il capoluogo siciliano, è stato infatti scelto come nuovo Segretario del comune di Milano: una indiscutibile promozione per il dirigente che, a 47 anni, si ritroverà a svolgere un delicato compito in una delle città più importanti d’Italia. Nominato da Cammarata e confermato dal successore, Dall’Acqua è un burocrate molto apprezzato, nominato anche responsabile anti-corruzione e per un breve peridio direttore generale facente funzioni (all’epoca del commissario Latella).

Adesso toccherà al Professore trovare un sostituto e anche in tempi brevi. Il sindaco Sala vorrebbe che Dall’Acqua entrasse in servizio dal primo marzo, il che però lascerebbe nei guai Palermo. Un Segretario generale, infatti, non è un semplice dirigente ma è un vero e proprio notaio di un Comune e può essere scelto solo attingendo da un apposito albo, con procedure che vanno dai due ai quattro mesi. Vero è che la scelta spetta al sindaco, ma è altrettanto vero che la nomina non è immediata.

Il rischio, in poche parole, è che Palermo si ritrovi a dover affrontare l’ultimo scampolo di sindacatura, e quindi le elezioni, senza un Segretario generale (anche se c'è in carica un vice, Serafino Di Peri, che però è un dirigente interno). Se anche Orlando avviasse subito le procedure queste si concluderebbero quasi a fine mandato e, dal momento che il Segretario decade col primo cittadino, un nuovo nominato potrebbe dover restare in carica pochissimo. Una bella grana per il Professore che avrebbe chiesto a Dall’Acqua di restare un po’ di più, dandogli modo di trovare una soluzione-ponte.