Live Sicilia

Ragusa

Il diciottenne operato alle gambe
"Grazie a voi sono rinato"


Articolo letto 7.146 volte
, Cronaca, Ragusa

La storia di un ragazzo sbarcato a Pozzallo.

VOTA
0/5
0 voti

RAGUSA - E' arrivato a Pozzallo su uno dei tanti barconi di fortuna partiti dalla Libia e salvati in mare dalle motovedette della Guardia Costiera ma la sua deformazione agli arti inferiori è stata un ostacolo al suo sviluppo. Ospite di uno Sprar di Canicattini Bagni, nel siracusano, il diciottenne Mohamed Sambe potrà adesso guardare al futuro con prospettive più confortanti perché è stato operato dal chirurgo ortopedico Emanuele Lombardo nell'Istituto Villa Salus di Augusta. Il giovane migrante per tutta la sua vita ha avuto enormi difficoltà a deambulare.

"Siamo intervenuti - dice l'ortopedico - in contemporanea su entrambi gli arti inferiori, con un significativo e delicato intervento di osteotomia del terzo distale del femore procedendo ad una derotazione e ad un allineamento dalla testa del femore fino alle caviglie. Sono state applicate delle placche in titanio nel terzo distale del femore con l'obiettivo di realizzare delle osteotomie correttive". Ora il giovane migrante si sente rinato: "Sono riuscito ad imbarcarmi con la speranza di una vita migliore ma non avrei mai immaginato di essere sottoposto ad un intervento medico che mi permettesse di superare il mio handicap fisico. In Italia ho ritrovato la mia nuova vita. Adesso, grazie alla mia nuova condizione, potrò cercare lavoro in Europa e spero di poterlo presto trovare. Ringrazio infinitamente l'Italia per aver realizzato il mio sogno".(ANSA).