Live Sicilia

Palermo

Con la testa tra le stelle
La scommessa di alunni e prof


Articolo letto 2.069 volte
Il prof

Organizzare una missione spaziale? E che ci vuole...

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO- Lo scorso autunno l'ESA (l'Agenzia Spaziale Europea) ha dato il via all'European Astro PI Challenge: code your experiment, un concorso 'stellare' riservato a ragazzi fino a 16 anni di età e al quale hanno partecipato anche gli studenti dell'Istituto Comprensivo Rapisardi-Garibaldi di Palermo, superando con successo le prime due fasi della competizione.

Quest'ultima chiede la progettazione di una vera e propria missione spaziale da realizzare sulla ISS (International Space Station). Pasquale Caldara, il professore di matematica e scienze che ha capitanato il giovane team della suddetta scuola, ha così raccontato: "Ci è stata data la possibilità di creare un programma per gestire esperimenti strutturali da condurre in orbita, uno assegnato dall'Agenzia Spaziale Europea e uno ideato dai noi stessi".

I ragazzi dell'Istituto Garibaldi hanno messo in atto i due esperimenti: uno mirato a monitorare il movimento degli astronauti all'interno del laboratorio Columbus (ove verrà posizionato l'Astro PI), l'altro dedito "all'osservazione del campo magnetico terrestre a una data altitudine".

Come ha poi spiegato orgoglioso il docente Caldara, su ben 180 programmi sperimentali presentati al concorso dell'ESA, quello del gruppo palermitano è passato, superando così anche questa seconda fase. "Non è tanto la bellezza del progetto in sé, quanto il coinvolgimento attivo dei miei studenti. Hanno lavorato tanto, anche al di fuori degli orari scolastici. Sin da subito hanno mostrato entusiasmo e motivazione, mettendosi in gioco con le loro idee e osservazioni. Quest'impegno è stato meritatamente premiato".

All'European Astro PI Challenge: code your experiment hanno preso parte studenti fino a 16 anni d'età a appartenenti agli stati membri dell'Agenzia Spaziale Europea; nella seconda fase sono stati selezionati 350 esperimenti in tutta Europa, di cui 20 provenienti da istituti italiani. La terza e ultima fase si concluderà il prossimo 15 maggio, giorno in cui verranno pubblicati gli esiti dei progetti vincitori e l'astronauta ESA Thomas Pesquet, il vero artefice della sfida lanciata in questo concorso, li commenterà direttamente dalla stazione spaziale.