Live Sicilia

La nota

Regione, Csa contro il governo:
"Un gioco delle 3 carte ormai scoperto"


Articolo letto 815 volte
, Politica

Badagliacca: "Ci si avvia al quarto mese di esercizio provvisorio".

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - "Che fine hanno fatto i quasi due miliardi che sono derivati dall’accordo, ratificato dall’Ars, tra il governo del presidente Rosario Crocetta e il governo nazionale guidato da Matteo Renzi. Ricordo che quasi un anno fa Crocetta e e l’assessore al Bilancio Alessandro Baccei annunciavano trionfanti l’intesa con il Governo Renzi presentandola come un 'accordo strutturale storico' che avrebbe evitato il default, avviato il risanamento e gli investimenti e dichiaravano all’unisono: 'Non vivremo più di bilanci che si fanno all’ultimo momento. L’unico beneficio l’ha ottenuto il governo nazionale con gli enormi risparmi che sono derivati dalla rinuncia a tutto il contenzioso fiscale'". Lo dice il segretario regionale del Csa Giuseppe Badagliacca. “Oggi quello stesso Governo – aggiunge Badagliacca - si avvia al quarto mese di esercizio provvisorio, modifica ogni giorno la bozza di Bilancio e tenta, senza riuscirci, di barcamenarsi fra mille emergenze. Non riesce a garantire i sacrosanti diritti dei disabili toglie fondi ai comuni già sull’orlo del dissesto e rinuncia ai Corsi di Formazione destinati ai ragazzi finalizzati alla prevenzione della dispersione scolastica. Non riesce a garantire fondi sufficienti alle Città Metropolitane ed ai Liberi Consorzi dopo averne annunciato la Riforma da oltre quattro anni. Continua a disattendere gli impegni sulle stabilizzazioni dei precari. Il gioco delle tre carte è ormai scoperto ed i siciliani continuano a non trovare mai l’asso giusto".