Live Sicilia

San Cataldo

Furti in casa per comprare la droga
Blitz tra Caltanissetta e Catania


Articolo letto 12.361 volte
blitz antidroga san cataldo, droga san cataldo, Caltanissetta
Gli arrestati. Clicca per ingrandire.

L'operazione è condotta dai carabinieri: sei arresti. (foto I. Baiunco)

VOTA
0/5
0 voti

SAN CATALDO (CALTANISSETTA) - Rubavano nelle case a San Cataldo per poi rivendere la refurtiva e acquistare droga da spacciare sulla stessa piazza. E' il primo dettaglio che emerge dalla conferenza stampa sull'operazione "Kitt" condotta dai carabinieri che hanno arrestato sei persone su ordinanza del Gip di Caltanissetta.

Un settimo indagato, anche lui destinatario dell'ordinanza, è sfuggito alla cattura e sono in corso ricerche. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, alcuni degli arrestati avrebbero anche trattenuto per sé parte della refurtiva per ammobiliare le proprie abitazioni. In alcuni casi gli indagati avevano anche rubato armi da fuoco che i proprietari delle abitazioni svaligiate custodivano. Magistrati e carabinieri hanno ricostruito 23 episodi di furto tra l'estate del 2015 e la prima metà del 2016. Di rivendere e ricettare la refurtiva si sarebbe invece occupato il nisseno Fabio Colore, 42 anni, che aveva dei canali di smistamento della merce rubata e una volta incassato il denaro per avere ceduto la refurtiva, teneva una quota per sé e poi consegnava il resto agli altri indagati. Il canale di rifornimento della droga era invece la città di Catania, dove la banda acquistava gli stupefacenti da Davide Intravaia, 34 anni, arrestato anche lui nel blitz e ritenuto il fornitore di cocaina. A concentrarsi sullo spaccio a San Cataldo erano invece Cristian Ivan Callari e Giuseppe Colasberna, i quali, una volta rifornitisi di cocaina, la spacciavano in paese.