Live Sicilia

LA MOSTRA

"Novecento Italiano. Una storia"
Viaggio nel tempo a Palazzo Reale


Articolo letto 12.786 volte
mostra novecento palazzo dei normanni, mostra novecento palermo, palermo mostra novecento, Cultura e Spettacolo

I maggiori artisti del secolo scorso sono rappresentati con settanta opere e qualche installazione.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO- Un secolo di storia dell'arte in una selezione di opere tra le più rappresentative. La mostra "Novecento italiano. Una storia", che da oggi al 31 agosto 2017 è aperta nella sala Duca di Montalto di Palazzo dei Normanni, offre un percorso onnicomprensivo su un secolo ricco di fermenti, movimenti, sperimentazioni e innovazioni.

Protagonisti di questo viaggio sono quindi artisti che, con gran sensibilità, hanno saputo tradurre lo spirito del Novecento lasciando un'importante eredità artistica e che in un percorso ordinato cronologicamente accompagneranno i cittadini lungo tutta l'esposizione. Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Gino Severini, Giorgio De Chirico, Carlo Carrà, Filippo de Pisis, Giorgio Morandi, Mario Mafai, Franco Gentilini fino a giungere al realismo di Renato Guttuso con cui si conclude la prima parte della mostra, e il cui celebre affresco La Vucciria spicca per dimensioni e per valore culturale tra le altre opere. Su tale affresco, Maria Teresa Benedetti, curatrice dell'evento, in occasione della conferenza stampa di questa mattina a Palazzo Reale, ha spiegato: "La Vucciria di Guttuso si deve vedere, ed è un quadro che mi ha sorpreso in qualche modo proprio per la fissità di natura fotografica, attraverso il quale l'autore è riuscito a restituire una perfetta immagine del mercato palermitano ed è una posa ferma, che si discosta dalle altre opere di Guttuso. Abbiamo allora pensato di sceglierlo in quanto un omaggio alla memoria, a una storia che non ha una dimensione temporale, ma è piuttosto antistorica, e ha bisogno di essere fissata nel tempo".

> GUARDA LA GALLERY

Benedetti ha poi aggiunto: "Novecento Italiano. Una Storia è una mostra sorprendente per la singolarità delle opere esposte, provenienti da collezioni private, e che non ha l'ambizione di raccontare il Novecento, piuttosto qualcosa capace di documentare le tappe più significative del secolo, e che invitino a riflettere sugli aspetti rivoluzionari del mondo contemporaneo".

La mostra è organizzata dalla Fondazione Federico II, presieduta da Giovanni Ardizzone, in collaborazione con C.O.R. (Creare Organizzare Realizzare) di Alessandro Nicosia, e curata, insieme a Maria Teresa Benedetti, da Lea Mattarella e Francesca Villanti, le quali hanno concluso l'incontro ricordando altri prestigiosi nomi del XX secolo, nonché protagonisti della seconda parte della mostra, tra cui Fausto Pirandello, Lucio Fontana, Giulio Paolini, Mimmo Paladino ed Emilio Isgrò. "Palermo è una città fortemente ancorata al suo passato, ma al tempo stesso è pronta per l'arte contemporanea- ha affermato Francesca Villanti - e ospiterà nel 2018 la XII edizione di Manifesta (Biennale delle Arti Visive)".

"Novecento Italiano. Una Storia" resterà aperta da lunedì a sabato dalle ore 8:15 alle 17:40, domenica e festivi dalle ore 8:15 alle 13:00.