Live Sicilia

Arcigay

Malattie sessualmente trasmissibili
Una campagna per la prevenzione


Articolo letto 4.525 volte
, Cronaca, Agrigento, Trapani

Iniziativa on the road in tre province siciliane.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Si chiama PrevenGo l'iniziativa on the road promossa da Arcigay Palermo e finanziata da Fondazione Con il Sud, mirata a sensibilizzare e informare sulle Infezioni Sessualmente Trasmissibili (IST). Più precisamente, come ha spiegato Daniela Tomasino, tra i membri del direttivo Arcigay Palermo: "Si tratta di un progetto pilota e innovativo, il primo in Italia, e di cui ci sentiamo tanto orgogliosi quanto responsabili. Quest'estate a bordo di un camper, commissionato appositamente, faremo tappa sulle province di Palermo, Agrigento e Trapani, soffermandoci in luoghi particolarmente frequentati o a rischio di marginalizzazione e dove, attraverso i test capillari a risposta rapida COMBO, sarà possibile ottenere la diagnosi precoce di eventuali infezioni sessualmente trasmissibili".

Screening e sensibilizzazione sono quindi le parole chiave di questo progetto itinerante, il cui target è piuttosto ampio, con un occhio di riguardo nei confronti di giovani, migranti, persone LGBT e sex workers. A bordo dell'ambulatorio mobile, gli interessati potranno anche sottoporsi a visite mediche specialistiche, grazie al supporto di volontari e medici. Il supporto di PrevenGo verrà inoltre garantito da quattro sportelli di ascolto, accoglienza e screening che verranno allestiti presso l'Ateneo universitario di Palermo e nei locali della sede cittadina di Arcigay.

"A maggio avrà inizio un corso di formazione, propedeutico alla partecipazione delle attività del progetto in qualità di volontari, che saranno i veri protagonisti di PrevenGo; – ha poi concluso Daniela Tomasino – questi, ancora in fase di selezione, oltre a collaborare alle attività di informazione e prevenzione dovranno anche saper accogliere e 'sostenere' situazioni complesse nel modo più professionale ed empatico possibile".

PrevenGo avrà la durata di un anno ed è stato realizzato in partnership ARNAS Civico di Cristina-Benfratelli, associazione ANLAIDS (Sezione Felicia Impastato), associazione universitaria UniAttiva, confederazione UDU e il Segretariato Italiano Studenti in Medicina (SISM). Il progetto vanta inoltre il patrocinio dell'Università degli Studi di Palermo, e dell'ERSU (Ente Regionale per il Diritto allo Studio).

In Italia da recenti indagini è emerso un aumento delle infezioni da HIV nel corso del 2016, con una maggiore percentuale in Sicilia e con casi riguardanti soprattutto i giovani tra i 25 e i 29 anni.