Live Sicilia

Indagine 'Good Easter'

Estorsioni a due imprenditori
Quattro arresti a Taormina


Articolo letto 3.942 volte
estorsioni taormina, estrosioni imprenditori taormina, Messina

Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Messina. I NOMI

VOTA
0/5
0 voti

TAORMINA (MESSINA) - I carabinieri hanno eseguito a Taormina (Messina) e nella provincia di Catania, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Messina su richiesta della locale Dda, nei confronti di quattro persone ritenute presunti esponenti di Cosa Nostra etnea, considerati responsabili, a vario titolo, di estorsione con l'aggravante del metodo mafioso. L'indagine, denominata "Good Easter", ha permesso di fare luce su una serie di presunte estorsioni che sarebbero state messe in atto dai 4 indagati nei confronti di due imprenditori di Taormina, ai quali veniva imposta la consegna di alcuni automezzi esposti in vendita.

L'ordinanza di custodia cautelare in carcere riguarda Antonio Faranda, 38 anni, Emanuele Bianco, 44 anni del clan Brunetto di Catania e Enzo Ferriero, 31, e Carmelo Porto, 60, esponente clan Cintorino di Catania. Sono accusati a vario titolo di estorsione in concorso, con l'aggravante del metodo mafioso. I provvedimenti di carcerazione sono scaturiti da un'indagine svolta dall'aliquota Operativa e convenzionalmente denominata "Good Easter". Secondo l'accusa gli indagati operavano anche nel Comune di Taormina tentando di sottoporre ad estorsione rivendite di autovetture. Ad una delle due vittime era stata imposta la consegna di un'autovettura sotto pressanti minacce mafiose. L'imprenditore ha consegnato il veicolo a fronte del quale sono stati consegnati due assegni uno dei quali riferibile ad un conto corrente già estinto mentre l'altro riferito ad un conto corrente con un saldo negativo. Mentre il secondo imprenditore non ha ceduto alle richieste estorsive ed è stato anche preso a schiaffi. In questa ultima fattispecie l'organizzazione mafiosa ha mutato l'oggetto della richiesta che in prima istanza erano delle autovetture e richiedendo successivamente il pagamento di una somma in denaro a titolo di "pizzo".