Live Sicilia

La nota

L'Ordine protesta: "Incomprensibile
indagine a Messina su giornalisti"


Articolo letto 2.290 volte
giornalsti, inchiesta, messina, siracusa, Cronaca, Messina, Siracusa

Si indaga su articoli relativi a magistrati della procura di Siracusa, "già oggetto di condanne passate in giudicato".

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - L'Ordine dei giornalisti si fa sentire in merito alla curiosa vicenda dell'indagine della procura di Messina che riguarda anche dei giornalisti per degli articoli che riguardavano magistrati in servizio a Siracusa, "a loro volta sottoposti a più processi e già oggetto di condanne passate in giudicato", scrive l'Ordine.

"Nel massimo rispetto della magistratura, ma nell'esercizio dell'altrettanto legittimo e costituzionalmente garantito diritto di critica nei confronti di un potere dello Stato", l'Ordine dei giornalisti di Sicilia esprime piena disapprovazione per le ipotesi di reato formulate dalla Procura di Messina nei confronti di un gruppo di giornalisti siracusani e messinesi, indagati, assieme a politici della cosiddetta Prima Repubblica, anche con l'ipotesi di associazione per delinquere finalizzata alla calunnia e alla diffamazione.

"Tale scelta processuale appare incomprensibile, alla luce delle prerogative dell'attività professionale dei giornalisti: - prosegue la nota - per ciò che è dato capire, infatti, alcuni colleghi, che in più di un caso nemmeno si conoscono fra di loro, si sarebbero organizzati, condividendo iniziative, mezzi, scopi e obiettivi, in combutta con personaggi politici aretusei, per attaccare con accuse false due magistrati già in servizio alla Procura di Siracusa, a loro volta sottoposti a più processi e già oggetto di condanne passate in giudicato".

L'Ordine ritiene che "l'ipotesi di reato sia stata attentamente ponderata, prima della sua formulazione e della conseguente iscrizione dei colleghi nel registro degli indagati e, poiché è tenuto a vigilare sulla disciplina degli iscritti (attraverso il competente Consiglio di disciplina), desidera conoscere le ragioni di questa scelta". L'Ordine dei giornalisti di Sicilia rimane pertanto "in attesa di ricevere dalla Procura di Messina gli atti, a conclusione dell'indagine, auspicando una più che rapida conclusione degli accertamenti, considerato che i fatti sono alquanto datati e che in un caso è coinvolto pure un giornalista al quale viene contestata la pubblicazione di una vignetta, considerato pure lui associato con gli altri". 

Il pm di Messina Antonio Carchietti ha chiesto, e ottenuto dal gip, la proroga delle indagini risalenti al lontano 2013 e che presero le mosse da un dossier dei carabinieri, secondo quanto riportato in questi giorni da articoli di stampa. Gli articoli in questione, redatti da giornalisti che stando alla nota dell'Ordine neanche si conoscevano tra loro, sarebbero stati secondo l'ipotesi investigativa il frutto di un complotto ordito in combutta anche con politici ai danni dei magistrati Ugo Rossi e Maurizio Musco, già condannati in Cassazione per la vicenda dei "veleni in procura", lo scandalo sollevato da testate locali siracusane.