Live Sicilia

La decisione del Gup

Truffa all'Asp di Palermo
A giudizio un parafarmacista


Articolo letto 2.852 volte

Il caso  fu smascherata nel 2014 dal commissario prima e manager ora dell'Asp 6, Antonio Candela.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Il gup Fabrizio Molinari ha rinviato a giudizio Andrea Lo Iacono, titolare di una parafarmacia con sede in via Carlo Pisacane, accusato di una truffa all'Asp di Palermo. Il processo comincerà l'11 settembre davanti alla terza sezione del Tribunale. Hanno scelto il rito abbreviato Giuseppe Pepe, socio accomandatario della farmacia Trossarelli di via Francesco Paolo Perez; Gaetano Sirchia, titolare della farmacia Del Vespro di corso Tukory; Diego Genovese, proprietario anche lui di una farmacia sempre in corso Tukory; Pietro Li Sacchi, funzionario dell'ufficio H del Dipartimento di riabilitazione con sede all'interno dell'ospedale Guadagna; e Giuseppe Vallino. Secondo l'accusa avrebbero organizzato una truffa grazie a autorizzazioni false per avere pannoloni per incontinenti, cibo per celiaci e pungidito per diabetici. Una truffa che fu smascherata nel 2014 dal commissario prima e manager ora dell'Asp 6, Antonio Candela che riscontrò una serie di irregolarità nelle fatture presentate da tre farmacie e da una parafarmacia. Le autorizzazioni erano intestate a ignari anziani che non avevano mai ritirato le forniture. (ANSA).